Libia, sale a 220 il bilancio delle vittime degli scontri a Tripoli

Share

"Un numero crescente di bambini è a rischio imminente di ferite o morte a causa dell'escalation dei combattimenti, i peggiori degli ultimi anni, a Tripoli e dintorni", si legge nella nota congiunta del direttore generale dell'Unicef Henrietta Fore e del Rappresentante speciale del Segretario generale dell'Onu per i bambini e i conflitti armati Virginia Gamba.

Dichiarazioni dell'inviato dell'Onu a parte, al Palazzo di Vetro resta intanto bloccata, per la solita opposizione di Russia e Francia, la bozza di risoluzione presentata dai britannici che chiede un cessate il fuoco immediato. Quest'ultimo, nella notte, aveva fatto bombardare la zona di Wadi Rabie, a est della capitale.

Sale anche il bilancio degli sfollati.

Anche John Bolton, il "falco" che guida il consiglio per la sicurezza nazionale di Trump, ha parlato più volte con Haftar: il quale - ricordano fonti della Casa Bianca - ha vissuto vent'anni in esilio in Virginia dopo essere scappato dal regime di Gheddafi.

Amici 18, Loredana Bertè: cambio di "squadra" per un concorrente
Al centro delle discussioni, ma soprattutto delle polemiche, c'è la cantante-giudice Loredana Bertè . Che Mameli vada a vendere materassi!

Champions, Manchester City-Tottenham 4-3 e semifinale Spurs; Liverpool in carrozza
I Reds hanno calato il poker sul campo del Porto , una qualificazione meritata per i ragazzi di Klopp dopo il 2-0 dell'andata. Mané, Salah, Firmino e Van Dijk rendono inutile la rete della bandiera di Militao .

Inter, pronti 30 milioni per Gundogan: il centrocampista non rinnoverà
L'Inter , dunque, potrebbe usare la stessa formula con cui ha convinto Diego Godin , ovvero un contratto di 4 anni da 6 milioni a stagione.

Non sono più possibili, inoltre, i trasferimenti medici verso gli ospedali di Tripoli da altri centri fuori città, con impatti preoccupanti per decine di pazienti. È quanto ha ribadito il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nell'informativa al Senato. Nel giro di pochi giorni ha distrutto tutti gli sforzi di negoziazione nei suoi confronti provocando il rinvio a tempo indeterminato della Conferenza nazionale indetta dall'Onu dal 14 al 16 aprile e facendo sprofondare il paese nel caos quando lui si era proposto di portare l'ordine.

"Si tratta, come detto, di una strada obbligata per ridare spazio al dialogo politico e ricostruire un minimo di fiducia tra le parti, ai fini di un processo credibile e sostenibile".

"È chiaro - ha sottolineato il ministro - che ci sono dei potenziali terroristi, anzi dei sicuri terroristi, pronti a partire in direzione dell'Italia, quindi a maggior ragione chi dice 'porti aperti' in un momento come questo fa il male dell'Italia e dell'Europa".

Share