Di Maio a Taranto, scontro con le associazioni ambientaliste

Share

"So benissimo che i tarantini discendono dagli spartani ma ci sono tante altre battaglie da vincere".

"L'esimente - ha aggiunto - doveva durare altri quattro anni e mezzo, ma ad agosto di quest'anno cesserà di esistere".

MERCATO - Mbappè gela il Real: "Resto al Psg"
Kylian Mbappé , fenomeno del Psg , torna ad occupare le prima pagine di tutti i quotidiani francesi per lo scatto impressionante contro il Monaco .

Il display si rompe troppo facilmente — Samsung Galaxy Fold
Tuttavia, tale rivestimento non era presente sui dispositivi forniti ad alcuni recensori, come il citato MKBHD . Per quanto minuscolo, lo spessore aggiuntivo ha fatto sì che lo schermo si rompesse, diventando inutilizzabile.

Chelsea, Higuain: "Non esco di casa per paura delle critiche"
Per vedere mia madre, lei deve fare un volo di 15 ore: certo, posso pagare il biglietto ma non posso averla qui con me subito . Che vede solo se segni un gol - ha aggiunto - del resto siamo pagati per questo, anche se mi sembra esagerato.

Non la pensa come il vicepremier Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink, una delle 23 associazioni convocate per il primo pomeriggio di oggi da Di Maio per la riunione del Tavolo permanente del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis). E in strada via via che la gente si raduna riecheggia sempre più insistente lo slogan contro il viceprmeir pentastellato e ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio. "A ore saranno individuati i nuovi commissari, che per il prossimo mese e mezzo affiancheranno i commissari uscenti per occuparsi di tutte le vicende relative ad Ilva", ha dichiarato il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. L'unica cosa che noi possiamo fare per far riguadagnare fiducia verso le istituzioni della Repubblica, è far funzionare le cose che devono funzionare. "L'abbraccio non lo accetto", ha continuato. Il tavolo del Contratto istituzionale ha l'obiettivo di rifocalizzare, anche con nuovi progetti e interventi, la mission dello strumento introdotto da una legge del 2015 per aiutare la città e l'area limitrofa a superare la strettoia della crisi Ilva in gestione commissariale. "Accetterò una stretta di mano seria nel momento in cui prenderà le decisioni serie per Taranto, cioè la chiusura delle fonti inquinanti, adesso basta". Una delle quali è quella di Carla Lucarelli, mamma di Giorgio di Ponzio, il 15enne di Taranto morto di tumore a gennaio. Il vicepremier grillino si è presentato nella città jonica dopo aver raccontato, durante la scorsa campagna elettorale, che avrebbe chiuso l'acciaieria Ilva, conquistando così i voti non solo degli ambientalisti, ma anche delle migliaia di persone che nel corso degli ultimi decenni hanno visto morire un parente per malattie oncologiche. E la solita presa in giro, ora ci sono le europee ed è venuto a fare passerella. La presenza della delegazione di Governo a Taranto arriva a poche ore dalle dimissioni da commissari straordinari dell'Ilva di Piero Gnudi, Corrado Carrubba ed Enrico Laghi, che hanno gestito la cessione dell'azienda dall'amministrazione straordinaria ad Arcelor Mittal. "Di nuovo Taranto si presta ad essere una campagna elettorale".

Share