Alphabet: tonfo nel dopo mercato, ricavi trimestrali deludono

Share

Il titolo Alphabet ha perso terreno nel dopo mercato a Wall Street. Il trimestre si è chiuso con un utile netto di 6,66 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 9,4 miliardi del primo trimestre del 2018, anche a causa degli 1,7 miliardi di dollari relativi alla multa comminata dalla Commissione Europea per la pubblicità on-line.

Il direttore finanziario Ruth Porat ha annunciato che la società sta investendo denaro in contenuti per YouTube e YouTube Premium, ma nel frattempo è anche stata messa in atto una profonda revisione dei prodotti pubblicitari. In termini di utili per azione, si è passati a 9,5 dollari dai 13,33 di inizio 2018; al netto della multa il dato è stato di 11,90 dollari, sopra le attese degli analisti per 10,61 dollari. Questa multa se sommata all'altra multa di luglio scorso di 4,43 miliardi per il 'Caso Android' più i 2,2 miliardi di giugno 2017 per abuso di posizione dominante nel campo dei motori di ricerca, l'ammontare complessivo arriva a 8,2 miliardi di euro di multe accumulate nel giro di due anni.

Cristian Imparato e Guendalina Tavassi: è stata sfiorata la rissa
Un atteggiamento che ancora una volta ha infastidito molti telespettatori che vogliono vedere Francesca fuori dalla casa . Nel corso del tempo si potrà cambiare anche idea e per questo il sondaggio può essere rivotato.

Anticipazioni Amici 18: Valentina ripescata dopo l’eliminazione?
Pretendo che sia il pubblico e solo il pubblico a scegliere, con la giuria muta e impotente, me inclusa . Le proposte del giudice supremo sono sempre state accettate dalla produzione.

Inter, Nainggolan polemico: "A Roma più calore, Milano è solo business!"
A Milano ", ha invece puntualizzato il centrocampista centrale belga, " gira tutto più intorno al business , è un po' più competitiva ".

I ricavi sono saliti nel trimestre del 17% annuo a 36,339 miliardi di dollari (32,434 miliardi di euro), meno del consenso per 37,33 miliardi. In particolare, le vendite che compaiono a bilancio come "other revenue" e che includono le attività cloud, sono aumentate del 25% a 5,45 miliardi.

I ricavi generati da pubblicità sono stati di 30,7 miliardi, in aumento di solo il 15% rispetto a un anno prima e al di sotto della media del 21% dei precedenti otto trimestri. Nel trimestre le "impression" (quanto spesso una pubblicita' e' vista sulle proprieta' dei partner di Google) sono aumentate del 6% annuo e il "cost-per-impression" (quanto Google puo' fare pagare per quelle visioni) e' salito dell'1%. Le spese sono lievitate a 29,7 miliardi da 23,5 miliardi.

Share