Giornata mondiale dell'igiene delle mani: come evitare le infezioni

Share

E' il dato illustrato dall'assessore regionale alla Sanità Sonia Viale insieme al commissario straordinario di Alisa Walter Locatelli in occasione della Giornata mondiale per l'igiene delle mani promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il consumo di gel alcolico è un indicatore indiretto del grado di adesione alla pratica dell'igiene delle mani.

La Giornata mondiale del lavaggio delle mani è "un fondamentale appuntamento di educazione sanitaria" ha spiegato la Dott.ssa Grazia Lomolino, Responsabile della struttura Prevenzione e Controllo Infezioni Ospedaliere.

Il 30% delle infezioni che si prendono in ospedale si possono prevenire, ormai è acclarato, si possono prevenire con corretto lavaggio delle mani.

L'igiene delle mani è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un'infezione correlata all'assistenza, un rischio che interessa ogni anno milioni di persone in tutto il mondo con un impatto importante in termini di sofferenza, morbosità e mortalità.

In collaborazione con il gruppo tecnico vengono predisposte le attività a carattere regionale per il monitoraggio e il contenimento delle infezioni correlate all'assistenza (ICA) e dell'antimicrobico-resistenza, già previste all'interno del Piano Regionale della Prevenzione (PRP) 2014-2019 e, più recentemente, inserite negli obiettivi individuati dal più ampio Piano Nazionale di Contrasto dell'Antimicrobico-resistenza (PNCAR) 2017-2020. Numerose le strategia adottate per migliorare l'igiene delle mani e ridurre i tassi di infezioni correlate all'assistenza sanitaria: dalla formazione del personale ai programmi di motivazione, dall'adozione del prodotto a base alcolica per la frizione delle mani come standard fondamentale sino all'uso di indicatori di "performance". In ospedale, a casa propria, in ogni luogo.

Читайте также: Unicredit, addio a Facebook e Instagram: "Valorizziamo canali proprietari"

L'iniziativa vuole richiamare l'attenzione sull'importanza di questa semplice procedura non solo nella prevenzione della diffusione delle malattie infettive, ma anche nella lotta all'allarmante fenomeno dell'antibiotico-resistenza. "Lavarsi correttamente le mani è essenziale; un gesto che va assimilato e insegnato anche ai più piccoli".

Le mani sono un ricettacolo di germi, una piccola percentuale è rappresentata da microorganismi non patogeni che risiedono naturalmente sulla cute senza creare danni, ai quali però possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell'aria o con cui veniamo in contatto toccando le diverse superfici.

Un malcostume che rafforza i batteri invece di combatterli e spinge sempre più frequentemente alla "nascita" di ceppi resistenti ai farmaci più diffusi. Secondo i medici un veicolo di batteri troppo spesso sottovalutato.

Gli esperti consigliano di lavarsi le mani almeno 5 volte al giorno ma, stando ad una ricerca condotta da Top Doctors, i dati relativi alle abitudini degli italiani non sono incoraggianti: il 46% si lava le mani tra le 5 e le 10 volte al giorno, il 15% per fobia supera le 10 volte, ma 4 italiani su 10 non lo fanno.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share