Stand Altaforte in spazio più sicuro

Share

E' allora urgente soffermarci a riflettere sulle radici della violenza maschile, indagando il modello educativo che la società, la famiglia, i media, la scuola propone a bambini e giovani ancora fortemente stereotipato e orientato alla costruzione di un'identità maschile che forse ha bisogno di un radicale ripensamento. La presidente nazionale dell'Anpi, Carla Nespolo, ha annullato la sua partecipazione all'evento in cui avrebbe dovuto presentare il volume di Tina Anselmi La Gabriella in bicicletta. Dice no anche lo storico Carlo Ginzburg "per scelta politica" e ha annunciato le sue dimissioni come consulente del Salone lo scrittore e giornalista Christian Raimo. "Mai" scrive il collettivo Wu Ming.

Un fenomeno, quello dei podcast, che oltreoceano ha già un successo fortissimo: basti pensare che Spotify ha deciso di investire nel 2019 500 milioni di dollari per acquisire produttori di contenti per podcast. Qua ogni settimana spostiamo un po' l'asticella del baratro.

Le dichiarazioni del numero uno della casa editrice Altaforte hanno creato un certo imbarazzo al Salone del libro spingendo diverse case editrici a disertare l'incontro. E andrò, infine, sperando che all'editore che si è dichiarato fascista non si faccia più pubblicità indiretta. La presenza dello stand di Altaforte al Salone del libro è più che inappropriata, ma il paradosso è che non può essere evitata. Al centro dell'immagine che sta girando sui social c'è Francesco Polacchi: è il 29 ottobre del 2008, il giorno degli scontri in piazza Navona a Roma, tra studenti di destra e di sinistra, che si erano conclusi con 4 feriti e due arrestati. Materia della magistratura, quindi, è giudicare se un individuo o un'organizzazione persegua finalità antidemocratiche.

Читайте также: Ascolti Tv Auditel: Ballando con Milly, Rai1 riconquista il sabato sera

Non è un segreto che la casa editrice Altaforte vicina all'ultradestra di Casapound abbia sollevato non poche polemiche. In risposta allo scittore Lucia Borgonzoni, sottosegretaria leghista ai Beni culturali, ha protestato parlando di un ritorno all'ostracismo e alle "liste di proscrizione". Ci sono cose in cui credo, cose che penso, cose che scrivo: "il mio modo di oppormi al fascismo è dirle, e sperare che siano in molti ad ascoltare". L'hanno trovata. Si sono fatti pubblicità.

Un dibattito certamente ricco che però riflette parte delle timidezze e delle paure nello schierarsi che il nostro paese oggi vive nel nostro paese. Gli altri si guardino allo specchio. Le dimissioni - secondo il direttore - non cambieranno nulla nella linea editoriale del Salone: "Il Salone si basa invece sulla condivisione".

Palermo, 8 mag. (AdnKronos) - Da domani a lunedì 13 maggio le edizioni Museo Pasqualino di Palermo saranno presenti al 32esimo Salone internazionale del libro di Torino.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share