Tre club escono dal settlement agreement

Condividere

Il club nerazzurro esce dal Settlement Agreement dopo tre anni, di seguito il comunicato nerazzurro al riguardo: "Il Club ha soddisfatto i requisiti di break-even cumulativo del Settlement Agreement firmato nel maggio 2015 e pertanto è uscita dal regime di Settlement Agreement". A confermarlo è la stessa Federazione europea sul sito ufficiale; insieme al club nerazzurro anche Astana e Besiktas si liberano del regime di Fair Play Finanziario.

Ottime notizie per l'Inter. La camera d'inchiesta del CFCB ha confermato che l'FC Astana, il Beşiktaş JK e l'FC Internazionale Milano sono stati considerati in conformità con l'obiettivo generale dei loro accordi, firmati a maggio 2016 per l'FC Astana, e nel maggio 2015 per gli ultimi due.

Roma, addio De Rossi: tifosi contestano a Trigoria
Contro il Parma domenica 26 maggio sarà la sua ultima partita da giocatore della Roma . Un minimo di differenze di vedute ci sta, è inevitabile.

Michelle Hunziker: "Con i Trussardi mi sentivo una truzza inadeguata"
Anche la showgirl come Michelle Hunziker può ricadere nel panico adolescenziale da " primo incontro con i suoceri ". Un mix di disparate ansie tutte vorticanti attorno ad un solo fulcro: non essere all'altezza.

Serie B sconvolta: Perugia ai playoff, niente playout, Venezia e Salernitana salve
Molto probabile la presentazione di un ricorso avverso alla decisione con relativo slittamento di tutto il programma dei playoff . Niente playout per il Foggia di Grassadonia dopo la retrocessione del Paleremo decisa dal Tribunale federale della Figc .

Questa la nota dell'Uefa: "La Camera di Investigazione dell'Organo di Controllo Finanziario dei Club ha fornito un aggiornamento sul monitoraggio dei settlement agreement firmati con quattro club negli anni scorsi, e che hanno raggiunto i rispettivi termini". Il massimo organo calcistico continentale dunque al momento ha "liberato" i nerazzurri che nelle ultime stagioni hanno dovuto fare i conti con alcune restrizioni legate al monte ingaggi e al numero di giocatori da iscrivere nelle coppe, oltre alle limitazioni sul mercato. Da ora il fair play finanziario non è più un "nemico" per l'Inter, ma una situazione che i nerazzurri condividono con tutte le altre società che partecipano alle competizioni UEFA.

Per informazioni più approfondite qui è disponibile il regolamento completo dell'UEFA (in inglese). E ottenere la qualificazione in Champions League, magari già domenica a Napoli, porterà ulteriori ricavi e faciliterà la crescita della società.

Condividere