Tre club escono dal settlement agreement

Share

Il club nerazzurro esce dal Settlement Agreement dopo tre anni, di seguito il comunicato nerazzurro al riguardo: "Il Club ha soddisfatto i requisiti di break-even cumulativo del Settlement Agreement firmato nel maggio 2015 e pertanto è uscita dal regime di Settlement Agreement". A confermarlo è la stessa Federazione europea sul sito ufficiale; insieme al club nerazzurro anche Astana e Besiktas si liberano del regime di Fair Play Finanziario.

Ottime notizie per l'Inter. La camera d'inchiesta del CFCB ha confermato che l'FC Astana, il Beşiktaş JK e l'FC Internazionale Milano sono stati considerati in conformità con l'obiettivo generale dei loro accordi, firmati a maggio 2016 per l'FC Astana, e nel maggio 2015 per gli ultimi due.

Matteo Berrettini ha eliminato Alexander Zverev dagli Internazionali d’Italia
Detto di Berrettini non ce l'ha fatta invece Andrea Basso chiamato anche lui all'impresa contro il croato Cilic . Al Foro Italico, Seppi sfiderà al turno inaugurale lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 21 del mondo.

Nedved: "Allegri resta alla Juventus? Chi vivrà vedrà..."
Il margine di errore si assottiglierà ancora di più - insiste - e vincere sarà ancora più difficile, anche in campionato. Con l'Atletico avevamo tutto da guadagnare e nulla da perdere, la squadra ha fatto una grande partita.

Grande Fratello, le lacrime di Francesca de Andrè
In tanti, una fra tutte Gessica Notaro , hanno trovato quella frase irrispettosa delle tante vittime che subiscono violenza. A tu per tu con Francesca De André , Daniele Interrante ha espresso il proprio pensiero su quanto successo in passato.

Questa la nota dell'Uefa: "La Camera di Investigazione dell'Organo di Controllo Finanziario dei Club ha fornito un aggiornamento sul monitoraggio dei settlement agreement firmati con quattro club negli anni scorsi, e che hanno raggiunto i rispettivi termini". Il massimo organo calcistico continentale dunque al momento ha "liberato" i nerazzurri che nelle ultime stagioni hanno dovuto fare i conti con alcune restrizioni legate al monte ingaggi e al numero di giocatori da iscrivere nelle coppe, oltre alle limitazioni sul mercato. Da ora il fair play finanziario non è più un "nemico" per l'Inter, ma una situazione che i nerazzurri condividono con tutte le altre società che partecipano alle competizioni UEFA.

Per informazioni più approfondite qui è disponibile il regolamento completo dell'UEFA (in inglese). E ottenere la qualificazione in Champions League, magari già domenica a Napoli, porterà ulteriori ricavi e faciliterà la crescita della società.

Share