Trump firma il bando definitivo di Huawei dagli USA

Condividere

Huawei ha definito "irragionevole" l'ordine esecutivo firmato ieri dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che dichiara un'emergenza nazionale per le minacce contro la tecnologia statunitense e apre la strada a un divieto totale dei prodotti fabbricati dagli Stati Uniti del gigante cinese delle telecomunicazioni. Tra i maggiori acquirenti c'è anche l'Italia, che in marzo ha aumentato il portafoglio di TBond di 2 miliardi di dollari a 44 miliardi, un livello da record. Facciamo un po' di ordine.

Le attività di Huawei sono un rischio per la sicurezza nazionale e per questo il big cinese e 70 delle sue affiliate sono finite nella 'Entity list' americana, una sorta di lista nera del commercio, che limita per Huawei gli acquisti di componenti da società americane. Ergo: Huawei è fuori dai giochi per la fornitura di infrastrutture per il 5G, la rete di nuova generazione che ha già debuttato oltreoceano.

Tapiro d'Oro per Allegri: "Alla Juve sceglieranno un grande allenatore"
Sul suo sostituto a Torino non si è sbilanciato: "Questo non lo so, uno bisogna che vada in panchina, non so chi". Per il toscano, invece, c'è una vacanza all'orizzonte: "Ora vado un po' al mare".

Beverly Hills 90210, il nuovo teaser dell’evento speciale
Dopo la scomparsa di Luke Perry , il cast al gran completo si è riunito per partecipare alle riprese di questo 'reboot' . Siete pronti a tornare a Beverly Hills? La crew più famosa degli anni '90 torna in tv, senza però Luke Perry .

Dove vedere Inter Chievo streaming e tv, su Sky o TV8
Non c'e' mai un risultato che ti permette di stare tranquillo, c'e' sempre un obiettivo superiore da dover raggiungere. Dobbiamo essere migliori dei nostri avversari. "Ci vogliono tutte le qualità del nostro repertorio" - ha concluso.

Huawei si è detta inoltre "disposta a impegnarsi con il governo di Washington nel proporre misure efficaci per garantire la sicurezza del prodotto". Limitare la possibilità per Huawei di operare negli Stati Uniti non renderà il Paese più sicuro né più forte. Secondo l'azienda di telecomunicazioni, la scelta dell'amministrazione Usa "lascerà il Paese in ritardo nella distribuzione del 5G, danneggiando gli interessi di aziende e consumatori americani". "Il che significa niente di più che il conflitto tra Stati Uniti e Cina non si chiuderà mai con un accordo, che al massimo potrebbe rappresentare solo una tregua temporanea". Tra leaziende fonitrici del gruppo cinese ci sono Intel, Qualcomm, Micron, Seagate, Western Digital e Broadcom. La decisione, appoggiata dal presidente Donald Trump "impedira' che la tecnologia americana venga utilizzata da entita' straniere in un modo tale da minare la sicurezza nazionale Usa - ha spiegato Ross - o gli interessi di politica estera".

Condividere