Scuola, Bussetti: "Al via l’assunzione di quasi 59mila docenti"

Share

58 mila in Italia, 14 mila dei quali di sostegno. Un incontro a cui ha partecipato Manuela Pascarella, che ha seguito per la Cgil le trattative con il Miur.

In base alle normative attuali, il 50% delle 58.627 nuove assunzioni richieste (una volta ricevuto l'ok da parte dei ministri, Giovanni Tria e Giulia Bongiorno) avverranno attingendo alle graduatorie dei concorsi per titoli ed esami; il restante 50% invece utilizzando le graduatoria ad esaurimento (le cosiddette "Gae" dove sono inseriti i precari storici della scuola, specie di infanzia e primaria). Senza contare che spesso nelle graduatorie di istituto non ci sono docenti specializzati sul sostegno, per cui le scuole chiamano docenti dall'esterno anche senza specializzazione. Cifre importanti che non solo incidono sulla gestione del servizio scolastico, ma anche sull'economia del nostro territorio, inficiando sul potere di acquisto di molte famiglie. Eppure un gran numero di quelle cattedre sono destinate a rimanere vuote.

Читайте также: Siamo tutti santi con la Temptation Island degli altri

La prova orale, infine, deve accertare il grado di preparazione del futuro insegnante nelle materie che sono elencate nel decreto. Secondo Bussetti, però, non si tratta di uno slittamento ma di un "lavoro costante che stiamo facendo dialogando con le organizzazioni sindacali per tenere conto anche dei docenti che hanno già insegnato nella scuola".

La corrispondenza tra i due dicasteri apre uno spiraglio positivo sul prossimo settembre, l'obiettivo è quello di evitare che si ripresenti di nuovo la situazione degli anni scorsi: al suono della prima campanella, i docenti che salgono in cattedra non sono abbastanza e si provvede ricorrendo ai supplenti. Concorsi ordinari, concorso straordinario e Pas non saranno infatti sufficienti per coprire tutte le cattedre. "C'è una trattativa in corso con i sindacati". "Per la provincia di Grosseto questo piano di reclutamento potrebbe significare la stabilizzazione per almeno 250 docenti che da anni lavorano a scuola e che hanno permesso la continuità didattica in molte classi". E in questi giorni, quei trasferimenti si sono concretizzati: 33 dei 43 docenti della scuola primaria, con circa 20 anni di servizio, hanno ottenuto una sede nella provincia di residenza.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share