Intesa Conte e Putin: "Lavoriamo per superare le sanzioni"

Share

Il leader del Cremlino ha quindi raggiunto con la sua delegazione la Santa Sede, dove è stato ricevuto in udienza da Papa Francesco: un'ora di colloquio in tutto. Dopo il saluto delle forze armate, da Fiumicino il percorso di Putin prosegue verso il Vaticano a bordo di un mezzo che ha già fatto discutere. I rapporti con il Patriarcato di Mosca, interrotti da mille anni, restano gelidi e un portavoce della Chiesa ortodossa ha tenuto a sottolineare come quello in Vaticano sia stato solo l'incontro tra due capi di Stato. C'è fermento tra i cerimonieri per capire se sarà possibile effettuare una manovra di ingresso che consenta a Putin, com'è abitudine, di varcare le porte direttamente con il suo veicolo. E' quanto riferiscono fonti del Quirinale al termine dell'incontro tra il presidente Sergio Mattarella e il presidente russo Vladimi Putin. Il premier Giuseppe Conte e il presidente russo Vladimir Putin non hanno dubbi: le sanzioni contro Mosca vanno superate, soprattutto in un momento così "delicato per l'economia globale". "L'Italia - ha detto - e' un partner molto importante per la Russia".

Due settimane fa l'Unione Europea ha deciso - all'unanimità, quindi anche con il voto a favore dell'Italia - di rinnovare fino al giugno 2023 le sanzioni economiche imposte alla Russia per l'annessione della Crimea, nel 2014. Ha messo e mette tuttora in discussione i fondamentali rapporti tra Ue e Russia, il prolungamento della vertenza rischia di far perdere un importantissimo bagaglio di fiducia, collaborazione e di regole che è maturato in oltre 25 anni di dialogo. In una San Pietro blindata, il leader russo ha stretto la mano al Pontefice con cui ha scambiato parole su temi sensibili come la situazione in Venezuela e Siria.

In serata si è svolta una cena a Villa Madama, alla quale erano presenti anche Salvini e Di Maio.

Читайте также: Libia, raid aereo su centro detenzione migranti: "Almeno 40 morti"

"Siamo convinti che occorra un processo politico inclusivo sostenuto dalla comunità internazinale tutta unita", ha dichiarato Conte. Nello specifico, a proposito delle sanzioni, il presidente russo comprende che l'Italia "è legata da impegni essendo membro delle strutture europee". La Russia, ha ricordato Berlusconi, è per storia, per vocazione, per interessi strategici parte integrante dell'Europa e del mondo libero. Nel lungo colloquio si è parlato anche di Libia. Le dimensioni della vettura corazzata sono gigantesche, con una lunghezza che supera i 6 metri e mezzo, e una larghezza di 2 metri.

Questa terza visita di Putin a papa Francesco, dopo quelle del 2013 e del 2015, è stata insomma particolarmente cordiale e "rilassata", senza eccessive pressioni dovute a contingenze internazionali, e senza mostrare particolari gesti eclatanti nella relazione russo-vaticana.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share