Fonseca: 'Con la Roma qualcosa vinceremo'

Share

Voglio giocatori dediti alla causa e motivati a lottare per questo club.

Il nuovo allenatore della Roma Paulo Fonseca si è presentato ai tifosi giallorossi: "Sono molto felice di essere qui, sono motivato nel poter lavorare in questa città e con questa squadra".

Il rischio è quello di una rivoluzione: "E' ovvio che ci sono giocatori che mi aspetto siano dei pilastri del futuro e che facciano parte a pieno titolo del progetto - ha commentato Fonseca -, ma comunque mi aspetto che ci vorrà un po' di tempo perché i miei concetti vengano assimilati".

"Voglio una squadra ambiziosa e motivata, che renda orgogliosa i tifosi e che ritorni subito a giocare in Champions League".

"Non sono una persona a cui piace fare promesse, ma sono fermamente convinto che negli anni in cui sarà l'allenatore di questa squadra potremo vincere una delle competizioni alla quale parteciperemo".

In che ruoli vede Florenzi e Pellegrini?Conoscono bene questi due giocatori. Petrachi ha avuto modo di farlo. Non faccio le mie scelte sulla base di una motivazione economica. Conto in sospeso con Nzonzi: da verificare se, al secondo tentativo, si farà vivo, avendo saltato l'appuntamento di fine giugno senza avvertire Fienga, Petrachi e De Sanctis. chissà se il centrocampista insisterà nel braccio di ferro con il management di Pallotta. E' una sfida affascinante, sono qui perché penso che possiamo costruire qualcosa di speciale. Per chiudere: esigerò molte cose dai giocatori, quello che conta però è anche il livello di esigenza che il calciatore pone sulle proprie spalle e su quelle di un compagno. Da domani si potrà iniziare a vedere come risponderanno i giocatori ai nuovi insegnamenti di Fonseca, come cambieranno gli allenamenti rispetto a quello ripetitivi dello scorso ritiro (unica seduta ore 9:30).

Ha già in mente un ruolo per la Roma?

Читайте также: Sea watch: Rackete, 'Salvini ha violato i diritti umani'

Quella del sistema di gioco non è la cosa più importante, è importante le dinamiche di squadra. "Ovviamente non ho un grande ricordo di quella partita perché la mia squadra fu eliminata". Cercheremo di curare la fase difensiva. Voglio una squadra intensa e che garantisca stabilità difensiva. E' fondamentale essere bravi dietro, ma la cosa fondamentale per me è tenere la palla. Voglio difendere lontano dalla porta. Dico di più: il gioco ormai è diventato strategico, ci sarà bisogno di studiare in modo approfondito gli avversari e preparare la squadra dal punto di vista strategico. Portare la fascia di capitano è di fondamentale importanza, e spero che questo sentimento ci possa aiutare a far vincere.

Sarà una Roma rinnovata e che ha perso due suoi simboli. "La mia squadra giocherà in maniera strategica per poter battere l'avversario". "E' una questione che analizzeremo, la probabilità che continuerà ad esserlo è elevatissima". Dove può riuscire dove altri hanno fallito? Spero che mi conoscerete per questo, per i risultati. Sono giocatori di qualità, vale lo stesso discorso fatto per Zaniolo.

Che tipo di rapporto ha con Petrachi?

"Se loro sono qui vuol dire che ci conto".

Qual è il profilo preferito d'attaccante?

"L'attaccante ideale è quello che fa gol". Ci sono due tipi di scenari: o Gianluca (Petrachi, ndr) mi propone un calciatore e io lo analizzo, o il contrario.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share