Lo slogan di Giampaolo: "Milan, testa alta e giocare a calcio"

Share

Il collettivo è più importante del singolo Marco Giampaolo, affiancato da Frederic Massara, Paolo Maldini e Zvonimir Boban, è ufficialmente entrato nel mondo Milan. Il tecnico potrebbe svelare le nuove tematiche tattiche in vista della prossima annata e potrebbe rivelare alcuni retroscena sul prossimo mercato. Non ci saranno privilegiati. C'è un grosso buco nero anche nel reparto difensivo, con gli adii di Zapata e l'infortunio di Caldara, il Milan necessita l'acquisto di un difensore centrale da affiancare a Romagnoli. "Attraverso il lavoro e il sacrificio, penso di aver meritato questa chance".

Mentre per la primavera fa capolino il diciassettenne portiere Jungdal, a casa Milan è ora di cominciare a pensare anche a qualche cessione prima di proseguire coi rinforzi, che in particolare richiedono almeno un'altra pedina in difesa e una in attacco. Il bel traguardo alla fine di un percorso travagliato. Che l'ha allenato nell'anno precedente al suo approdo alla Sampdoria.

Читайте также: Petrachi, ds Roma: "Higuain alla Roma può fare come Batistuta"

"Il Milan per me rappresenta un senso di appartenenza, un modello di gioco, una riconoscibilità calcistica". Grazie al Milan per la fiducia e opportunità di vestire la maglia rossonera. "Torno al Milan con maggiora fiducia e consapevolezza, pronto ad aiutare la squadra per raggiungere i propri obiettivi". "Il mio motto è giocare a testa alta, sempre", ha concluso il neo allenatore rossonero. Non mi piacciono titolari e riserve.

"Sono felicissimo e motivatissimo di essere qui, di allenare il Milan, una società gloriosa, una storia importantissima". Vogliamo offrire un calcio apprezzabile.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share