Sequestro armi neonazi: non era attentato a Salvini

Share

Il razzo, assemblato nell'ottobre del 1980, è stato trovato in un hangar, nei pressi dell'aeroporto di Rivanazzano Terme (Pavia), poi messo in sicurezza dagli specialisti dell'Esercito e dei vigili del fuoco.

Il deposito era nella disponibilità di due persone, un italiano, F.B. I due, secondo gli investigatori della Digos, avrebbero voluto mettere in commercio quel missile aria-aria Matra e per questo sono finiti nel mirino dell'autorità giudiziaria. Uno di loro ricevette da un sedicente esperto d'armi la proposta di acquistare un missile, con tanto di fotografie via Whatsapp. Le indagini hanno portato a scoprire un arsenale considerevole, con una capacità offensiva elevata. Il procedimento, è stato ribadito, non riguarda in alcun modo i cinque ex combattenti.

E' stato durante la perquisizione nell'abitazione dell'uomo, a Gallarate, che gli agenti si sono imbattuti nell'arsenale: armi da guerra e comuni, detenute illegalmente e nascoste in camera da letto.

Digos e procura, una volta appurato tramite l'intelligence che l'ex Kgb era davvero chi diceva di essere, hanno orientato il monitoraggio nel mondo dell'estrema destra e su un gruppo di italiani (piemontesi e valdostani) che avevano combattuto insieme al Battaglione Azov, formazione ucraina che si batte contro i separatisti filo-russi nella regione del Donbass.

Calciomercato Juventus - Neymar offerto ai bianconeri: il Barcellona resta tagliato fuori
Neymar è senza ombra di dubbio uno dei grandi protagonisti di questa estate. Il papà di Neymar sta facendo il giro d'Europa per sondare vari club.

Von der Leyen propone fondo per transizione climatica regioni - Europa
Con 383 voti a favore il Parlamento europeo ha eletto Ursula Von Der Leyen presidente della prossima Commissione europea . La cancelliera tedesca Angela Merkel l'ha definita una " europea convinta e convincente ".

Sampdoria, Orlando replica a Ferrero: "Al Palermo vogliamo persone senza condanne"
Infine, una battuta propria sulle ultime dichiarazioni di Ferrero: " Non commento le dichiarazioni degli altri . Di seguito, le sue dichiarazioni .

Il questore di Torino Giuseppe De Matteis ha parlato di un "sequestro di armi da guerra con pochi precedenti in Italia".

In casa del 60enne anche diversi stemmi e cartelli con simboli riconducibili al nazismo, tra cui svastiche e riferimenti alle Waffen-SS. A dirlo è lo stesso vicepremier: "L'ho segnalata io". Il Qatar ha intanto offerto "piena e totale collaborazione" con l'Italia: resta da capire come sia possibile che un missile della loro dotazione sia finito nelle mani di soggetti dell'estrema destra.

L'ipotesi è che il Matra Super 530F provenga dal Qatar, ma al momento non si sa ancora come Del Bergiolo ne sia entrato in possesso. "E' bastata una minima traccia che abbiamo colto da una conversazione per seguire costantemente la vicenda con i risultati che abbiamo ottenuto".

Share