Malore improvviso al ristorante: muore il regista Alessandro Valori

Share

La sorte e il destino, però, non conoscono carriere e successi e ieri sera per Alessandro Valori si è consumato il dramma. Si è sentito male all'improvviso, tempestivi, ma purtroppo inutili, i soccorsi. Era a cena in un noto ristorante di Recanati, insieme al patron delle Winx, Igino Straffi, e altri imprenditori e amici, quando ha detto di sentirsi poco bene.

È morto all'età di 54 anni il regista Alessandro Valori. Formatosi in ambiente artistico fin dalla gioventù - frequentante il Tonino Guerra di San Marino - nel 1984 iniziò concretamente a cimentarsi nella sua professione di regista vantando il ruolo di assistente al fianco di grandi registi dell'epoca quali la celebre Lina Wertmüller, Sergio Corbucci, Paolo e Vittorio Taviani. E, dopo una lunga gavetta, aveva finalmente trovato il successo meritato, in particolare con i film che hanno avuto l'attore maceratese Simone Riccioni per protagonista (Come saltano i pesci e Tiro Libero). Nel 2008 è uscito 'Chi nasce tondo.' con Valerio Mastandrea e Sandra Milo. Nel 1991 arriva la co-sceneggiatura "Le città di Giacomo Leopardi", film tv in quattro puntate per la Rai, mentre nel 2001 la regia del backstage di Marco Bellocchio "L'ora di religione" e, successivamente, l'aiuto alla regia di Sabina Guzzanti nel film "Bimba". Lascia i fratelli, Federico e Alfonso, la moglie Carmen e un figlio.

Eto'o si ritira, l'Inter lo celebra sui social: "Quanti momenti indimenticabili"
A darne notizia lui stesso con un post pubblicato sul proprio profilo Instagram: " La fine, verso una nuova sfida ". Una decisione a sorpresa, per un campione che a 38 anni si ritrova con la bacheca ricca di trofei.

Emre Can, passo indietro: "Grato alla Juventus, sosterrò i compagni"
Per rispetto del club e dei tifosi, il quale successo è sempre stata la mia priorità, non dirò nulla di più e continuerò a lottare sul campo.

Raffica di bugie, l'ambientalismo è inquinato
Hanno detto che abbiamo abbattuto alberi, sterminato colonie di uccelli, spianato dune incontaminate, disorientato fenicotteri... Un risultato grottesco che si concretizza in una lezione di ambientalismo agli ambientalisti condito da insulti e insolenze .

Il regista, originario di Macerata, ha dedicato la sua vita al cinema.

Share