Politica / Governo, discorso di Conte e protesta delle opposizioni: la fiducia

Share

Domani il voto in Senato. I numeri per la maggioranza M5s-Pd-LeU in questo caso sono un po' più risicati, anche se i giallorossi restano comunque positivi. E in fretta. Intanto, dalle parti di Bruxelles tirano un sospiro di sollievo - con Matteo Salvini, al momento in panchina, e l'ondata sovranista parzialmente arginata - pronti a dare l'ok a una significativa tranche di flessibilità. A breve è prevista la replica del premier, prima di iniziare la votazione della fiducia al nuovo governo.

Il consigliere regionale del Pd Gianni Bessi interviene sul discorso di Giuseppe Conte pronunciato questa mattina, 9 settembre, alla Camera dei Deputati (alla presentazione del nuovo Governo) "in merito alle concessioni di trivellazione per l'estrazione di idrocarburi". "Il mio primo impegno pubblico - continua poi Conte ribadendo la priorità - in Italia sarà la visita di alcuni comuni colpiti dal sisma". "Rivedremo la disciplina in materia di sicurezza alla luce delle osservazioni critiche formulate dal Presidente della Repubblica, il che significa recuperare, nella sostanza, la formulazione originaria del più recente decreto legge, prima che intervenissero le integrazioni che, in sede di conversione, ne hanno compromesso l'equilibrio complessivo".

Giuseppe Conte interverrà nell'Aula del Senato intorno alle 15.30. "Intendiamo approvare in tempi celeri una legge sull'acqua pubblica, completando l'iter legislativo in corso; allo stesso modo, il Governo si impegnerà a difendere la sanità pubblica e universale, valorizzando il merito e predisponendo un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri, potenziandone i percorsi formativi". Il governo nasce con la benedizione di Merkel e Macron. Invece delle classiche chiacchiere sotto l'ombrellone, c'è stata una crisi di governo che ha rimescolato le carte in Parlamento. La maggioranza applaude compatta, così come tutti i ministri. In tal senso lo aiuta anche la polarizzazione dello scontro da parte dell'opposizione, in piazza fra saluti romani e accuse di golpe e truffa ai danni degli italiani. Altri senatori hanno urlato, rivolti ai colleghi del Pd, "Bibbiano, Bibbiano!" e "dignità, dignità!" all'avvio della discussione. Il leghista William De Vecchis, ha mostrato un cartello con la scritta "Sei un barone, non un Conte" riferito al premier. Immediato l'intervento dei commessi, che hanno provveduto alla rimozione del cartello.

Serie A, cresce la spesa per gli ingaggi: tutte le cifre
A rivelarlo sono gli ultimi documenti di Football Leaks pubblicati dalla rivista tedesca Der Spiegel . Tale contratto avrà durata fino al 2026. " Non commentiamo i contratti degli atleti ".

E' morto il leggendario fotografo di moda Peter Lindbergh
Molti suoi lavori sono apparsi nel magazine Vogue e in riviste come Marie Claire, Interview e Harper's Bazaar. Negli anni 70 aveva cominciato a occuparsi di fotografia, come assistente di Hans Lux.

Inter, Marotta: "Icardi? A fine mercato saremo più chiari…"
Quando si chiuderà il mercato, saremo più espliciti e saremo ancora più chiari e affronteremo anche questa situazione. L'ad nerazzurro da Cagliari è stato chiaro.

Quest'ultimo tuttavia non è scontato dato che potrebbe anche astenersi. Ad aumentare i consensi sono stati i senatori a vita Elisabetta Cattaneo, Liliana Segre e Mario Monti. Sette i senatori su cui c'è ancora incertezza. Dopo meno di dieci minuti, la seduta è ripresa e la parlamentare ha attaccato Giuseppe Conte.

Mentre il premier parlava alla Camera, Fratelli d'Italia e Lega hanno protestato a Montecitorio. Stando ai tabulati dell'Aula, nella maggioranza solo LeU si è presentato al completo. "Il DL semplificazioni approvato dal governo precedente, cioè da Lega e M5S, ha provocato il crollo della produzione nazionale di gas naturale".

Share