Dal Governo fondi per la Sanità e novità per ticket

Share

Il ticket sanitario non si pagherà più in quote uguali per tutti, ma sarà rapportato al reddito del "nucleo familiare fiscale in base alla numerosità del nucleo familiare". Attualmente il ticket viene pagato da tutti eccetto coloro che sono esenti per reddito, perché hanno un reddito annuo inferiore ai 36 mila euro ed età superiore a 65 anni o inferiore a 6, oppure coloro che hanno una patologia cronica o grave.

Ticket sanitari: con la nuova manovra fiscale 2020 potrebbe cambiare tutto. Infine, come detto sopra, si fisserà un "importo massimo annuale di partecipazione alla spesa sanitaria, rapportato al reddito equivalente", al superamento del quale per l'assisito "cesserà l'obbligo della partecipazione alla spesa sanitaria". Ma l'uguaglianza, si afferma nella bozza di ddl, "si realizza nel momento in cui tutti i cittadini hanno le medesime possibilità di accedere alle prestazioni erogate dal sistema sanitario nazionale". Sono due notizie (e mezza) che arrivano dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che durante una diretta Facebook ha illustrato le novità riguardanti la sua "materia" previste nella Nota di aggiornamento del Def approvata nella serata di ieri dal Consiglio dei Ministri. La compartecipazione alla spesa sanitaria da parte dei cittadini nel 2018 sfiora i 3 miliardi di euro: le Regioni hanno cioè incassato per i ticket2 miliardi e 968 milioni (49,1 euro pro-capite), di cui un miliardo e 608 milioni (26,6 euro pro-capite) relativi ai farmaci e un miliardo e 359 milioni (22,5 euro pro-capite) per le prestazioni ambulatoriali, incluse quelle di Pronto soccorso.

Le Iene Show torna con un tributo a Nadia Toffa
Il servizio è una sorta di video testamento di colei che ha sempre considerato Le Iene la sua casa. Sarà un video di 20 minuti l'omaggio che Le Iene dedicheranno alla giornalista Nadia Toffa .

Genoa, esonero Andreazzoli: il punto e i possibili nomi
E allora Preziosi nell'attesa di capire si guarda attorno e sonda anche altri terreni. E l'aspetto economico in casa rossoblù non passa certo in secondo piano.

Rihanna dice no al Super Bowl 2020
Negli anni precedenti, a esibirsi sono stati personaggi come Justin Timberlake, Lady Gaga, Coldplay, Beyonce, Bruno Mars, Katy Perry, Lenny Kravitz, Maroon 5 .

"Chi ha di più deve pagare di più". Per stabilire il costo del ticket, verranno presi in considerazione anche altri fattori, come la presenza di malattie croniche, invalidanti o rare. L'aliquota da pagare, soprattutto per quanto riguarda i farmaci, varia in base alla zona d'Italia in cui si usufruisce del Ssn, il tributo infatti varia di Regione in Regione. Uno scatto che era già stato deciso nel 2019 e che prevede un ulteriore aumento degli investimenti nel Fondo sanitario nazionale di 1,5 miliardi di euro per il 2021. "Al di là delle soglie di esenzione, si paga sempre la stessa cosa", ha evidenziato l'esponente del governo, evidenziando però di pensarla diversamente.

"Abbiamo scritto, per la prima volta, che il superticket è sbagliato, produce discriminazioni e disuguaglianze e quindi ci impegniamo a superarlo".

Share