Serie A, sorpasso della Juventus sull’Inter: 1-2 firmato da Higuain

Share

Grande spettacolo a San Siro in Inter-Juve, una gara di altissimo livello tra due squadre che si sono dimostrate le prime due della classe. È rimasto sul groppone uno dei centravanti più forti del mondo e in panchina c'è il suo mentore: Higuain sta facendo la differenza più di Ronaldo.

Il derby d'Italia si inizia a giocare su ritmi altissimi, in due parole "all'inglese".

La Juventus vince 2-1 sul campo dell'Inter nel big match della settima giornata di campionato e sale in vetta alla Serie A scavalcando i nerazzurri. Che ha giocato comunque un'ottima partita anche stasera e ha confermato di essere pronta per lottare per lo scudetto. L'Inter mi porta bene? Nel finale di partita succede l'incredibile, prima viene espulso Calabria e successivamente viene assegnato un rigore al Genoa. Impossibile parare il rasoterra per Szczesny.

Juventus, Conte accende la miccia: bordata ad Agnelli
"Io non lo devo neanche toccare questo argomento", dice il tecnico dell'Inter alla vigilia della sfida con la sua ex squadra. Non sarà una grande perdita per il calcio, ma nemmeno il calcio sarà una grande perdita per me.

Volpe e Magalli, la faida si riaccende: Adriana, nuovo sfogo fiume
Poi Adriana Volpe è passata a Mezzogiorno in Famiglia , per poi essere del tutto estromessa dai palinsesti Rai . Attualmente, infatti, per lei non c'è in ballo nessun contratto col servizio pubblico radio-televisivo.

Renato Zero torna il 4 ottobre con l'album "Zero il folle"
Una sala gremita di giornalisti e, novità del momento, di fans e sostenitori dell' artista: i " sorcini ". Zero e il folle? Qualcuno prima o poi avrebbe dovuto riaccendere il sacro fuoco della follia! .

La Lazio si ferma sul 2 a 2 Bologna rimontando per due volte grazie a Ciro Immobileautore di una doppietta i vantaggi felsinei targati Krejci e Palacio. CR7 prima fa tremare la traversa dopo aver saltato mezza difesa interista, poi segna ma la Var annulla per millimetrico fuorigioco di rientro di Dybala. I bianconeri rispondono subitamente con un sinistro di Ronaldo, ma Handanovic è sempre vigile. Non in serata Lukaku, statico fra gli uomini della retroguardia bianconera. Dries Mertens ci prova con il pallonetto sullo scarico del messicano Hirving Lozano, ma la mira è imprecisa. L'Inter risponde inserendo Politano al posto di Lautaro. Ma il suo movimento verso il pallone, che poi incoccia sul gomito dell'argentino, è chiaro. Inter che interrompe la striscia di vittorie consecutive, non eguaglia il record di Herrera e rimane al secondo punto con 18 punti. Chi vede in lui un corpo estraneo alla squadra ha capito pochissimo di Juve.

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira (62′ Bentancur), Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (62′ Higuain); Dybala (71′ Can), Ronaldo.

Ammoniti: 13' Alex Sandro (Juventus), 84' Can (Juventus), 85' Pjanic (Juventus), 88' Vecino (Inter), 90' Barella (Inter).

Share