Nazionale, Mancini ammette: "L'unico dubbio è tra Barella e Bernardeschi"

Share

Quando presi la nazionale non sapevo cosa potesse accadere di lì a quindici mesi.

"Per qualificarci c'è prima un avversario, e lo scoglio non sarà così semplice". Quando giocavamo insieme siamo stati sfortunati sul piano dei risultati, con una Nazionale fra le migliori al mondo. Dal momento che abbiamo iniziato la Nations League già la squadra nella ripresa giocò un calcio diverso.

Roberto Mancini in conferenza prima di Italia-Grecia: "Moise Kean deve stare più attento, ieri è stato sfortunato ma c'è sempre lui dentro".

A centrocampo vedremo Barella o Bernardeschi? Purtroppo non siamo riusciti a vincere né un Mondiale né un Europeo. L'importante è "cavalcarlo" come suggerisce capitan Bonucci "per poi godersi una serata bella, a due anni dalla disfatta del Mondiale fallito: se arriva la qualificazione sarà emozionante". "Ma l'obiettivo primario è quello, sono tanti anni che il campionato d'Europa manca dalla bacheca italiana, è questo l'obiettivo primario".

Papa: ideologi purezza Chiesa adorano dogmi non Dio
"Appartengo alla Chiesa universale, buoni, cattivi, tutti, o a una ideologia selettiva? - ha chiesto il pontefice -". Lo ha sottolineato Papa Francesco all'udienza generale di mercoledì mattina 9 ottobre in piazza San Pietro.

Ibrahimovic: "Elliott deve investire, ma non sembra che abbia voglia"
Credo che l'Inter sta facendo grandi cose con un tecnico che sta spingendo, ma non è al livello la Juventus . Queste le parole dell'attaccante: "Il mondo adesso è un posto migliore e più pericoloso".

Trump ha scaricato i curdi in Siria
L'ufficio di Erdogan ha confermato che il presidente ha discusso con Trump al telefono del piano della Turchia di istituire una "zona sicura" nella Siria nord-orientale.

Vialli è la persona ideale per ricoprire il ruolo di capo delegazione, lo aspettiamo perché sappiamo quanto tiene all'azzurro e quanto possa dare in termini di valori e professionalità. Lo vede bene in questo ruolo?

"Non so cosa accadrà fino a novembre". Dal ritiro della Nazionale, e con indosso la tuta dello staff, Vialli si presenta come ambasciatore dei volontari di Roma Euro2020, ma "nei prossimi giorni approfondirò con Gabriele Gravina la proposta che mi ha fatto e parleremo di come allargare il mio contributo. Può aiutarci, ormai è un ragazzo maturo e può farci comodo". Oltretutto la Grecia è molto diversa da quella che abbiamo sconfitto a giugno: ha cambiato modulo, allenatore, e ha giocatori più giovani.

Se mi faccio un complimento per lavoro fatto finora?

Share