Cina, Xi Jinping: "Abbiamo agito con trasparenza e rapidità"

Condividere

Ed oggi con grande sorpresa il presidente cinese ha accettato "un'indagine complessiva" sul Covid-19, ma solo quando il virus "sarà posto sotto controllo". "Abbiamo condiviso le cure con il mondo senza riserve", ha dichiarato Xi Jinping. "Questo lavoro - ha inoltre aggiunto Xi - dovrà essere basato sulla scienza, dovrà essere guidato dall'Organizzazione mondiale della sanità e condotto in modo oggettivo e imparziale". La richiesta è stata avanzata dall'Unione europea e dall'Australia.

Wu, in conferenza stampa, ha riferito che Taiwan aveva anche concordato che la questione della partecipazione sarebbe stata rimandata a fine anno in modo che i lavori della sessione attuale potessero concentrarsi sul coronavirus.

Lutto nel mondo del giornalismo: addio a Sandro Petrone
Oltre che un apprezzatissimo giornalista era anche un grande appassionato di musica . Arrangiamento collettivo, in un'oretta di consultazioni e sfottò incrociati.

Ferrari e Sainz: la scommessa di Binotto, figlia dei nuovi tempi
Nel 2018 lo spagnolo passa alla Renault , dove resta un solo anno, e poi alla McLaren . Ma non abbiamo ancora finito, non vedo l'ora di tornare in pista.

Regolarizzazioni, 6 mesi di permesso per 500 mila migranti
In questo caso si è messo un limite alla platea che, comunque, per la Lamorgese dovrebbe ammontare a circa 180 mila persone.

In un'intervista rilasciata al britannico Daily Telegraph, il medico belga ha indicato Giappone, Singapore e i Paesi scandinavi come esempi da seguire, poiché si stanno assicurando che il sistema sanitario possa gestire un ritorno del virus.

Con la pandemia che sta iniziando ad attenuarsi, almeno nell'Europa continentale, dopo aver contagiato globalmente oltre 4,7 milioni di persone e fatto 315.000 vittime, riprende inevitabilmente corpo la polemica politica e, con essa, anche l'intenzione di appurare l'origine del Covid-19. La Cina ha provato a insabbiare la prima fase dell'epidemia? Mentre l'Oms - e in particolare il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus - ha elogiato la risposta della Cina, un'indagine sulla gestione iniziale dell'organizzazione getterà i riflettori su quali informazioni circolassero effettivamente e quante di queste fossero effettivamente condivise con l'Oms.

Condividere