17enne inventa sito per tracciare il virus e rifiuta milioni di dollari

Condividere

Per questo lo studente ha rifiutato 8 milioni di dollari che gli erano stati offerti in cambio della sua creatura (ncov2019.live), che oggi conta 30 milioni di utenti giornalieri.

"Penso che sia molto più facile per me rifiutare cose del genere solo perché non mi interessa molto fare così tanti soldi".

L'adolescente è consapevole che molti al suo posto avrebbero accettato senza pensarci e anche che molti sono convinti che un domani si pentirà di questa scelta, ma lui non bada al parere degli altri e va dritto per la strada che ha deciso di intraprendere: "Ho altri piani per il futuro". Il dietro le quinte è un lavoro importante che spesso non conosce orari.

Ncov2019.live in questo periodo è diventato molto popolare, con circa 30 milioni di visitatori al giorno e 700 milioni in totale finora, e non sorprende quindi che abbia ricevuto offerte per pubblicare annunci sul sito web. "Quando ho iniziato, vedevo l'intera epidemia come un estraneo, e non mi sarei mai aspettato che mi colpisse personalmente", ha aggiunto, sottolineando che il crescente numero di casi e decessi nella zona di Seattle lo hanno toccato da vicino. Eppure il successo è arrivato.

Pjanic al Barcellona: la verità
Non esistono ancora accordi, però, e le indiscrezioni rischiano di fuorviare: una cortina di fumo attorno a un'ipotesi di lavoro reale.

Riparte la Bundesliga, la Germania prova a indicare la via
Gli spogliatoi dovranno essere sanificati regolarmente e all'interno si deve mantenere il più possibile il distanziamento sociale. Occhio anche allo scontro salvezza fra Fortuna Dusseldorf e Paderborn.

Quando Ezio Bosso incantò Sanremo nel 2016
Tuttavia Ezio Bosso aveva sviluppato una malattia autoimmune i cui effetti sono identici a quelli della sclerosi laterale . E una testimonianza di ciò si è avuta anche a Benevento nel corso del Bct , il festival del Cinema e della Televisione.

Microsoft non solo ha pensato di acquistare la piattaforma ma ha offerto al giovane Avi addirittura un lavoro in azienda a cui però lo stesso diciassettenne ha detto di no. No anche a milionarie offerte pubblicitarie che gli sono arrivate.

Molti hanno deriso Schiffman per aver rifiutato queste offerte oltraggiose, sostenendo che è o ingenuo o semplicemente stupido, mentre altri lo hanno applaudito per il rifiuto di trarre profitto dalla sofferenza degli altri.

Il ragazzo, come riporta Business Insider che l'ha intervistato, ha intenzione di continuare a seguire la pandemia fino alla fine, lavorando attivamente e aggiungendo nuove funzionalità. "L'ultima cosa che voglio fare è scrivere ancora codice dopo una giornata passata a scrivere codice".

Condividere