Coronavirus, Iss: la curva dei contagi è in calo, crescono gli asintomatici

Condividere

Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nel punto stampa all'Iss sull'andamento dell'epidemia.

Se il trend settimanale dei casi di nuovo coronavirus "appare in calo" in tutte le regioni, i valori di Rt (l'indice di contagiosità) "oscillano molto" da territorio a territorio.

"La curva epidemica procede come ci siamo detti, non ci sono innovazioni, si mostra chiaramente in calo e i dati continuano a garantire lo stesso tipo di profilo" sono state le odierne parole di Silvio Brusaferro, presidente dell'Iss - Istituto Superiore di Sanità - riguardo l'evoluzione di epidemia di Coronavirus. Dunque "la curva epidemica è stabile ed in calo". "C'è un'Italia a due velocità, ma non abbiamo segnali di sovraccarico dei servizi ospedalieri, sia per quanto riguarda le terapia intensive sia per quanto riguarda i reparti". "Ma il virus circola ancora, precisa, quindi non si deve abbassare la guardia" dice. "Ma Rt non è una pagella ma uno strumento dinamico che ci aiuta a capire cosa succede e va letto con altri dati", ha aggiunto Brusaferro.

Luca Argentero è diventato papà: annuncio tenero e nome particolare
Luca Argentero e la compagna hanno annunciato la nascita della loro prima figlia. Avranno di certo una motivazione importante i due nomi.

Ilaria D'Amico: "Scudetto? Gente pensa sia della Juve, ma Lazio è meravigliosa"
La D'Amico è stata una compagna perfetta e si è addirittura impegnata ad allenarsi con il portiere bianconero. Ora veniamo da quattro settimane in casa insieme e ci siamo conosciuti a pieno.

Michel Piccoli è morto
Non si conoscono le cause della morte dell'attore, una delle ultime icone del cinema francese del Novecento. La prima con l'attrice svizzera Eléonore Hirt, dalla quale nascerà la figlia Anne-Cordélia.

Il sistema di monitoraggio non è un giudizio o un pagella per le regioni ma è uno strumento. "Però non possiamo escludere un incremento nelle prossime settimane anche se non si tratta di una pagella settimanale delle regioni". I dati che oggi abbiamo sono dati buoni ma sono dati che ci danno la garanzia della capacità delle regioni di intervenire. In questo momento, ha ribadito, serve la collaborazione di tutti. Anche se gli esperti non escludono un incremento nelle prossime settimane, c'è anche un sistema capace di intercettare i casi. Rezza ha ribadito la necessità di "mantenere costantemente alta l'attenzione di identificazione dei focolai, anche durante il periodo estivo". In tal senso "globalmente mi sembra stia aumentando la resilienza da parte delle Regioni", ha aggiunto il neo direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza nella conferenza stampa Iss -.

Proprio in queste ore però, i dati e i numeri, le statistiche e le previsioni sono al centro di forti dibattiti.

Condividere