Fase 2 in Campania, De Luca riapre gli stabilimenti balneari

Condividere

A decorrere dal 23 maggio e fino al 31 luglio, salva l'adozione di ulteriori privvedimenti in conseguenza del'evoluzione della situazione epiedemilogica su tutto il terittorio regionale, è consentita la riapertura delle attività degli stabilimenti balneari con l'obbligo di rigoroso rispetto del protocollo di sicurezza stabilito. "E' consentita la riapertura delle attività degli stabilimenti balneari". Gli utenti indossano la mascherina al momento dell'arrivo, fino al raggiungimento della postazione assegnata e analogamente all'uscita dallo stabilimento.

I gestori dovranno installare dispenser per igienizzare le mani. Consentito anche lo sbarco sulle isole ai natanti privati purché riguardi persone che devono muoversi da una regione all'altra e siano residenti o domiciliati in Campania.

L'ordinanza riapre anche i due zoo regionali di Napoli e di Pesco Sannita.

Lutto nel mondo del calcio, addio a Gigi Simoni
Da allenatore , ha vinto con la Cremonese la coppa Anglo italiana nel 1993 e 5 campionati di serie B. Simoni non disputò, dunque, la finale di Coppa Italia , poi vinta dal Vicenza.

Gregoraci: "Sono stata tradita, ai messaggi delle donne rispondevo io"
E in passato? Ha avuto a che fare con dei tradimenti? Sempre meglio non saperlo, ma secondo me sì. Confidenze inedite: "Secondo me sono stata tradita".

Positivi i primi risultati dei test del vaccino anti-Covid
Il team ha accelerato le ricerche nelle ultime settimane in vista del crescente numero di morti e contagi. I dati sugli animali e sull'uomo diffusi finora dalla società non sono ancora stati pubblicati .

La stagione balneare, in Sicilia, inizierà il 6 di giugno, ma siamo davvero pronti? "Questo consentirebbe di avere interi tratti omogenei sicuri e tutelati da parte dei concessionari e la facoltà da parte delle comunità costiere di governare e tutelare tratti di spiaggia libera ben identificati e indicati e non sparpagliati lungo la linea costiera per un duplice effetto importantissimo, da un lato assicurare a tutti la fruizione della spiaggia libera e dall' altro razionalizzare le risorse economiche per disciplinare e tutelare accessi e distanziamenti". Per noi titolari di lidi è diverso.

"A proposito poi di Anci: rammentiamo all'associazione dei comuni della Liguria che siamo stati noi a raccomandare che quest'estate, nelle spiagge libere della nostra regione, si desse la precedenza alle famiglie, in particolare modo a bambini e ragazzi che con il lockdown hanno sofferto moltissimo".

Per Angelo Sanfilippo "si dovrà fare affidamento anche al senso civico dei bagnanti", mentre Ruggero Ascione ha osservato che "nelle spiagge di Licata la ressa è all'inizio degli arenili, nella parte più vicina ai parcheggi, mentre basta spostarsi di poche centinaia di metri per raggiungere siti nei quali non c'è affatto confusione".

Condividere