De Luca in polemica sull'apertura di tutte le regioni il 3 giugno

Condividere

Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha rilasciato una dichiarazione in merito alle possibili riaperture dei confini regionali.

"La Campania - continua - è da sempre impegnata a tutela dell'unità nazionale".

Nuove disposizioni in materia di locali e somministrazione alcolici firmate questa mattina dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca.

Il coronavirus continua ad imperversare in tutta Italia.

Barbara D'Urso incinta su Instagram: ecco chi è l'uomo della foto
Nello foto in questione una giovanissima Barbara D'Urso mostra un sorriso smagliante e una bellezza acqua e sapone. La bella "Carmelita" non si fa problemi a mostrare il suo lato più sensuale e, anche oggi, non ha fatto eccezione.

Il comunicato ufficiale del Milan sull'infortunio di Ibra
L'esito degli accertamenti effettuati sulla gamba di Ibrahimovic ha evidenziato una lesione del muscolo soleo del polpaccio. Si teme addirittura che sia coinvolto anche il tendine d'Achille , pericolo che il Milan spera di scongiurare presto.

E' morto John Peter Sloan, il comico che insegnò l'inglese agli italiani
Nel 2011 fonda la sua prima scuola, John Peter Sloan - la Scuola, a Milano , e nel 2013 apre una seconda sede a Roma. Il suo primo contatto con l'Italia risale al 1990, quando all'epoca era leader del gruppo rock 'The Max' .

In chiusura di collegamento De Luca ha voluto rimarcare come la Campania è con i fatti e non a parole la Regione della solidarietà: "Abbiamo avviato un piano di emergenza socio-economico con misure di sostegno a famiglie ed imprese che vale quasi un miliardo aumentando tra l'altro le pensioni al minimo a 1000 euro a 230mila pensionati per i mesi di maggio e giugno".

"Il documento è stato condiviso dalle associazioni e ne asseconda alcune richieste - sottolinea Costanzo Iaccarino, presidente regionale di Federalberghi -.Ciò che continua a destare preoccupazione, tuttavia, è la situazione dei dipendenti stagionali delle imprese turistiche: una stagione breve come quella che il comparto si prepara ad affrontare non consentirà loro di percepire una Naspi adeguata".

Si ha la sensazione che per l'ennesima volta si prendono decisioni non sulla base di criteri semplici e oggettivi ma sulla base di spinte e pressioni di varia natura. "Cercheremo di aggiungere ai protocolli di sicurezza anche un controllo aggiuntivo per quanto riguarda la temperatura, test sierologici rapidi, controlleremo le stazioni, gli aeroporti, le società di noleggio, faremo un lavoro di buonsenso, senza isterie, con rispetto ma cercando di tutelare la serenità di vita delle nostre comunità".

Condividere