Gran Bretagna, farmaco diminuisce mortalità da Covid-19: "Una svolta"

Condividere

Una notizia importante arriva dalla Gran Bretagna nella lotta contro il coronavirus. E' quanto emerge da uno studio dell'Università di Oxford (Gb). "Questi risultati preliminari dello studio RECOVERY sono molto chiari: il desametasone riduce il rischio di morte tra i pazienti con gravi complicanze respiratorie". Questo farmaco - ricorda la Bbc - fa parte del più grande studio al mondo che sta testando i trattamenti già esistenti che potrebbero avere una efficacia contro Covid-19. Gli scienziati hanno definito la scoperta come "un enorme passo avanti" e hanno aumentato la speranza per la sopravvivenza di migliaia di persone ancora gravemente malate a causa del Covid-19.

Il trattamento "dura fino a 10 giorni, il farmaco costa circa 6 euro, in totale si spendono in media meno di 40 euro per salvare una vita", evidenzia Martin Landray, ricercatore dell'Università di Oxford.

Il desametasone, che normalmente si utilizza per trattare molteplici disturbi associati all'infiammazione (dalle allergie ai problemi dermatologici, passando per artrite, lupus, psoriasi, colite ulcerosa e disturbi respiratori), è stato applicato negli scorsi mesi sui pazienti gravi di coronavirus, non su quelli che hanno sintomi leggeri. La molecola è stata somministrata a 2.000 soggetti ricoverati in ospedale, messi a confronto con oltre 4.000 che non hanno ricevuto il farmaco.

Coronavirus: la pandemia in America Latina è fuori controllo
Il Ministero della salute di Pechino ha annunciato il lockdown in alcuni quartieri residenziali. A essi si aggiunge una crescita dei morti , che ieri avevano raggiunto quota 73'546.

Valigetta con lingotti in treno: le autorità svizzere cercano proprietario
Il prezzo è nel frattempo salito a 53 franchi, per un peso che dovrebbe così raggiungere 3,4 chilogrammi. Ovvero una valigetta con oltre tre chili di lingotti d'oro per un valore di circa 170.000 euro.

Speranza: firmato un accordo per dosi del vaccino di Oxford - Salute & Benessere
Il ministro continua. "Con la firma di oggi arriva un primo promettente passo avanti per l'Italia e per l'Europa - aggiunge -". Stiamo parlando del vaccino (di Astra Zeneca) più promettente, ma non c'è certezza assoluta.

Come comunicato dal ministro alla Salute, Mart Hancock, la Gran Bretagna inizierà a somministrarlo sin da subito ai pazienti positivi.

I ricercatori hanno stimato che, se il farmaco fosse stato disponibile nel Regno Unito dall'inizio della pandemia di coronavirus, si sarebbero potuti salvare fino a cinquemila pazienti. Nel gruppo di pazienti che hanno ricevuto desametasone ma non hanno avuto bisogno di un ventilatore per respirare (ma ossigeno supplementare), il tasso di mortalità è diminuito di un quinto (dal 25% al??20%) rispetto alle cure standard. "Potrebbe essere davvero una svolta", ha dichiarato il professor Peter Horby, a capo della sperimentazione più grande al mondo sulle possibili cure anti Covid 19, la piattaforma Recovery (Randomisation Evaluation of Covid-19 Therapy), cui partecipa anche l'Università di Oxford.

Condividere