Il calcetto non riparte, Cts blocca sport di contatto

Condividere

Si può o no giocare a calcetto dal 25 giugno e quando la riapertura dei campi? "Manca solo l'assenso del ministro Speranza: appena lo darà si potrà ricominciare" aveva precisato. Si può organizzare una partita a calcetto? "Diventa sempre più difficile spiegare il motivo di posizioni del tutto intransigenti e, nello specifico, dell'impossibilita di individuare soluzioni e percorsi che, a certe condizioni, possano consentire la ripresa degli sport di contatto e soprattutto delle attività sportive amatoriali (partite di calcetto, beach volley, pallavolo, ecc.)". In particolare la relazione del Cts conferma che, "in considerazione dell'attuale situazione epidemiologica nazionale, con il rischio di ripresa della trasmissione virale in cluster determinati da aggregazioni come negli sport da contatto, debbano essere rispettate le prescrizioni del distanziamento e della protezione individuale".

Di visione opposta il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora: "Non sono d'accordo con il parere del Cts, confermo il mio parere positivo e resto in attesa di quello del ministro Speranza", scrive su Facebook.

Fiorello, incendio nella casa di Roma: corto circuito in camera da letto
Il fumo prodotto dalle fiamme ha inoltre causato il malore di uno degli operai , che è stato portato in Pronto Soccorso . Nessun altra conseguenza per Fiorello e i suoi familiari, che erano in casa insieme a lui quando l'incendio è scoppiato.

Inter, dopo Sensi risentimento muscolare anche per Brozovic: Conte perde i pezzi
L'unica certezza che si ha al momento è che entrambi i centrocampisti, non saranno disponibili per la partita di domani sera contro la Sampdoria .

Conte agli Stati generali: "Decreto semplificazioni pronto la prossima settimana"
E' una direzione giusta che dobbiamo perseguire". "A Villa Pamphili non c'è stata una passerella ma è sfilato un intero Paese". L'aggiornamento è costante anche rispetto ai flussi di cassa dello Stato", ha aggiunto. "Sono stati lavori molto intensi.

Per quanto concerne la deroga alle stesse misure di distanziamento e protezione da parte del CTS validate esclusivamente per quanto riguarda la ripresa delle gare di calcio professionistico limitatamente alla Serie A, il comitato sottolinea come tale deroga sia stata accettata "in presenza di un interlocutore formale la società sportiva che ha assunto piena responsabilità per quanto concerne l'esecuzione e il controllo di uno stringente protocollo di diagnosi e monitoraggio continui".

Riprendere le attività dei centri sportivi, con le garanzie assicurate dal documento delle Regioni su sanificazione e mantenimento dei dati per i giorni necessari, aumenterebbe - io credo - la sicurezza per tutti. Vi terremo sicuramente aggiornati.

Condividere