"Stai zitta", Raffaele Morelli litiga con Michela Murgia. Boldrini: "Becerume maschilista"

Condividere

Nel momento in cui Michela Murgia ha cercato di interrompere il suo interlocutore, per approfondire di volta in volta i concetti espressi, è arrivata la prima uscita infelice di Raffaele Morelli. Quest'ultimo, infatti, ha chiesto alla conduttrice di Radio Capital di non porgli domande cretine. L'autrice del fascistometro non voleva conoscere realmente le opinioni di Morelli, ma solo rinfacciargli la frase pronunciata in precedenza a Rtl 102.5: "La donna si deve preoccupare se l'uomo non le mette gli occhi addosso".

Germania, nuovo lockdown nel distretto del focolaio al mattatoio
In tutto salgono così a 190.862 i positivi al Covid-19 e a 8.895 le vittime, secondo i dati dell'Rki. Nella capitale Berlino sono stati confermati 7.916 positivi e 211 morti.

Alex Zanardi "stabile, la prognosi resta riservata"
Partenza dai confini con la Svizzera e arrivo a Santa Maria di Leuca, con oltre 50 atleti paralimpici come partecipanti. Dall'Ansa si è appreso anche che i carabinieri hanno sequestrato il cellulare che Zanardi portava durante la staffetta.

Atalanta-Sassuolo, problemi per i nerazzurri: out la stella di Gasperini
Si torna finalmente in campo! Il tecnico atalantino si augura che possa essere l'inizio di un ritorno alla normalità o quasi.

In un'altra intervista, poche ore prima, Morelli aveva detto che "se una donna esce di casa e gli uomini non le mettono gli occhi addosso, deve preoccuparsi". Via social la Murgia ha così riassunto quanto accaduto: "Raffaele Morelli, incalzato sulle frasi sessiste ("le bambine giocano con le bambole", "se una donna non suscita il desiderio sono guai") non trova di meglio che dileguarsi senza argomenti". Il femminile è il luogo che trasmette il desiderio, se le donne non si sentono a proprio agio con un vestito tornano a casa a cambiarsi, mentre noi uomini siamo più unilaterali. "I bambini maschi non giocano con le bambole? - chiede Murgia - Forse è così perché non gliele diamo". C'è anche un video, disponibile a fine articolo, tramite il quale potrete capire bene come siano andate le cose, quasi a testimoniare il fatto che l'uomo sia andato in escandescenza con estrema facilità nel momento in cui gli sono state poste delle domande evidentemente ritenute "scomode". I toni si alzano, Morelli minaccia di andarsene e poi spiega: "I codici femminili sono antichissimi, sono codici primordiali. Se gliele diamo magari ci giocano". Va da sé, la Murgia ovviamente trovava inaccettabile simile presa di posizione, così è partita all'attacco dello psichiatra. "Le bambine giocano con le bambole, i bambini no.". "Siccome il femminile è alla base della crescita e dello sviluppo di ogni donna, se il femminile viene soffocato, come avviene in molte patologie, la donna perde la possibilità di realizzare la sua pienezza, la sua identità". Morelli quindi infuriato esclama: "Zitta, sto parlando, altrimenti me ne vado". "Non sta facendo un comizio io le faccio delle domande". E Morelli, a quel punto, chiude la telefonata.

Condividere