Delirio di Ecclestone sui neri e la F1 si dissocia subito

Condividere

La F1 deve diventare uno sport che va nel posto giusto e lascia dietro di sé qualcosa che può davvero aiutare le comunità.

Così Bernie alla Cnn: "Hamilton è una persona speciale e sta facendo un lavoro meraviglioso".

Ma non è stato questo a dar fastidio al sei volte campione del mondo, quanto il fatto che Ecclestone, nella stessa intervista, abbia dichiarato che "in molti casi, i neri sono più razzisti di quanto non lo siano i bianchi". "Non penso a Lewis perché è nero o altro, per me è solo Lewis".

Non solo Arthur: un altro nuovo acquisto della Juventus al J Medical
Correia è un prodotto del vivaio dello Sporting Lisbona (lo stesso di Cristiano Ronaldo , e nelle cui giovanili ha segnato 5 gol). Pablo Moreno , giocatore dell'Under 23 di Pecchia , viene ceduto al Manchester City , in cambio del promettente Felix Correia .

Meghan Markle "Ha rimbambito Harry col...": il retroscena
Ma a dare un piccolo assaggio di quello che si leggerà tra le pagine del volume, è l'ultimo numero in edicola di 'Oggi' . Vera esperta nell'ars amatoria, lo avrebbe plagiato annebbiandogli la mente e allontanandolo da amici e famiglia.

Unieuro lancia nuove offerte con il Black Friday estivo
Ancora un'altra offerta molto gustosa proposta da Amazon nel day one del Black Friday di Unieuro . E si attendono le mosse della concorrenza di Unieuro per accaparrarsi i clienti.

Commentando le manifestazioni in corso per protestare contro il razzismo sistemico e la brutalità della polizia contro gli afroamericani, Ecclestone ha affermato che la maggior parte delle persone che li frequentano "probabilmente non sa contro cosa stia protestando". Prima di tutto, ha molto talento come pilota, e ora sembra averlo anche nel fare certi tipi di discorsi. Questa sua ultima iniziativa in difesa dei neri è bellissima, sta facendo un gran lavoro. Credo che sia molto stupido rimuovere tutte queste statue. Ma anche i neri dovrebbero pensare lo stesso per i bianchi.

"Adesso è chiaro perché non è stato fatto nulla per rendere la F1 più aperta alle minoranze o per punire gli abusi razziali che ho subìto". "Se chi ha gestito la categoria per decenni ha una mancanza di comprensione così evidente riguardo alle difficoltà che noi persone nere affrontiamo ogni giorno, come possiamo pretendere che la gente che lavora per lui possa capirlo?"

L'ex amministratore delegato del Gruppo di Formula 1 Bernie Ecclestone si è difeso dalle accuse verso alcune sue precedenti dichiarazioni considerate "razziste", insistendo sul fatto che non gli importa se qualcuno è "giallo, verde, marrone o rosa" in'un intervista rilasciata al quotidiano Daily Mail per la rubrica "Mail on Sunday". Non smetterò di premere per creare un futuro inclusivo per il nostro sport, con pari opportunità per tutti. Sono finito in ospedale, ma anche dopo non sono mai stato contro nessuno che fosse nero.

Condividere