Polonia, Duda in vantaggio con il 43,5% dei voti

Condividere

L'affluenza è stata del 64,4% ed eguaglia il record delle presidenziali del 1995 (64,7% al primo turno).

Il presidente uscente è il conservatore Andrzej Duda di Diritto e giustizia (Pis), domenica arrivato al 43%, l'antagonista è il sindaco di Varsavia, il liberista Rafał Trzaskowski al 30% con la Coalizione di civica di destra (Ko).

Al terzo posto si è piazzato il candidato indipendente Szymon Holownia, giornalista che ha rastrellato il 13,8% dei consensi, secondo i dati definitivi diffusi dalla Commissione elettorale statale. Si sono classificati alla fine della lista il leader del Partito dei contadini, con il 2,36%, e il candidato della sinistra Robert Biedron, con il 2,22% dei voti.

La campagna elettorale degli ultimi mesi aveva assunto le forme di una vera e propria guerra culturale tra due differenti Polonie, una con una visione cattolico-conservatrice e l'altra liberale, progressista e filoeuropea. La partita si è giocata tra il benessere promesso ai nuclei familiari e ai pensionati da parte di Duda, visto come il paladino della famiglia e dei valori tradizionali e il riavvicinamento all'Unione europea e ai valori liberali del Paese propugnati da Trzaskowski.

Chiara Ferragni è incinta ? Il messaggio criptato di Marina Di Guardo
Per il momento Chiara e Fedez non si sono pronunciati a riguardo, ma la frase della nonna di Leone è stata davvero molto chiara. Chiara Ferragni aspetta il secondo figlio? Grazie a questo esame hanno scoperto che la piccola Mati ha un tumore , purtroppo.

ROMA SAMPDORIA Fonseca: "Grande secondo tempo. Dzeko fortissimo"
Questa, la prima doppietta in stagione ( Europa League compresa), è vero. Una quarantina di reti le può fare tranquillamente". Potevamo anche riuscirci ma non è andata così.

Glasgow, attacco con coltello: tre morti, diversi feriti
Al momento non risultano esserci altri ricercati a parte il presunto aggressore ucciso dalla polizia. Di episodio "allarmante" ha parlato poi la ministra dell'Interno britannica, Priti Patel.

La situazione politica in Polonia non è poi delle migliori.

Il cavallo di battaglia all'indomani delle urne torna ad essere quello dei diritti dei gay: Duda ha sollevato di nuovo lo spauracchio dell'adozione, criticando l'avversario Rafal Trzaskowski, che, dopo essere stato eletto nel 2018 sindaco di Varsavia, ha firmato la carta dei diritti degli Lgbt. Distaccati gli altri otto candidati.

L'eventuale turno di ballottaggio è fissato il 12 luglio: in tale occasione, il presidente uscente sarà sostenuto dal Pis di Kakzynski.

Che il Paese sia davanti a una decisione drastica lo ha sottolineato anche l'ex presidente del consiglio europeo Donald Tusk che in un tweet ha scritto: "La scelta da affrontare è semplice, la verità versus la menzogna, il rispetto o il disprezzo, l'orgoglio oppure la vergogna".

Condividere