COVID-19: Andrea Bocelli dalla parte dei negazionisti? Ecco cosa ha dichiarato

Condividere

A quanto pare quel giorno le normative gli stavano bene.

I numeri dei contagi in Italia calano: oggi è il quarto giorno consecutivo senza morti in Lombardia, ma l'allarme resta alto a causa di numerosi focolai individuati in giro per l'Italia.

"Ho cercato di immedesimarmi in chi doveva prendere decisioni in un momento così delicato - ha esordito Bocelli intervenendo al convegno - Poi ho cercato di analizzare la realtà".

Lukaku: 'Io contento, ma questa Inter può fare di più'
La prestazione di stasera non è negativa: la squadra ha voluto giocare e ha dato tutto, non sono scontento della prestazione . Sul primo gol avremmo potuto fare meglio, abbiamo avuto delle occasioni con Jagiello e Rovella .

Fifa 21, Kylian Mbappè sulla copertina dell'edizione Champions
L'offerta sarà disponibile fino all'uscita di FIFA 22 e vale sia per la versione digitale che per quella fisica del gioco. I membri di EA Access potranno ottenere un vantaggio anticipando il trial di FIFA 21 al 1 ottobre 2020.

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 22 luglio 2020
Quattro casi infine sono riconducibili al focolaio, già noto, di una giovane rientrata da una vacanza a Riccione. Dopo settimane senza pazienti gravi, risale anche il numero delle persone in terapia intensiva: sono due.

Anche Andrea Bocelli si fionda contro il governo. Davanti alle teorie negazioniste sulla pandemia di Covid19, il rapper milanese che ha contribuito anche alla costruzione di un reparto di terapia intensiva in una delle zone più colpite dall'incidenza del virus, ha voluto dire la sua portando come esempio un ragazzo di 18 anni che ha contratto la malattia, confutando la tesi espressa dal tenore che, secondo l'ex giudice di X Factor avrebbe parlato a sproposito. Resta il fatto che per le ragioni esposte, alcune uscite di Andrea Bocelli stiano facendo storcere il naso. Poi l'appello affinché si torni il prima possibile alla normalità: "Apriamo le scuole". E ha poi concluso dicendo: "Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità?". Raccontando i momenti più duri del lockdown e di come li ha vissuti, il tenore, che è stato colpito dal coronavirus insieme alla moglie e una volta guarito ha donato il plasma, ha anche spiegato: "Ho accolto questo invito ma sono lontano dalla politica". Successivamente, Bocelli ha confessato di aver violato il lockdown, invitando tutti a rifiutarsi di seguire questa regola.

Di quel periodo, Bocelli ha detto: "Devo confessare di aver disubbidito volontariamente a queste richieste, non mi sembrava giusto ne salutare rimanere in casa a una certa età, ho bisogno di sole".

Tante le persone, anche fan, deluse dal cantante: "Terribile sentir ignorare 35.000 morti" è un altro dei commenti dedicati a Bocelli su Twitter.

Condividere