Marquez: "Se qualcuno si fa male il titolo ha lo stesso valore"

Condividere

Il team manager della HRC, Alberto Puig, ha acceso la miccia al Gran Premio di Spagna, dopo l'incidente di Marc Marquez, rilasciando dichiarazioni che sono state interpretate in modo da mettere in discussione la legittimità di qualsiasi altro campione che non sia il pilota della Honda. In un primo momento ho pensato che non avrebbe più potuto lottare per il titolo, ma ora penso che avrà ancora opzioni e soprattutto si dovrà vedere come la Yamaha gestirà il potenziale problema sui motori (due ritiri, Rossi a Jerez 1 e Morbidelli a Jerez 2, ndr). Ad essere onesti, Avevo i miei dubbi dopo la prima gara.

Si è vero il cabroncito non ha corso, ma già l'averci provato a ridosso di un intervento lo elegge a guerriero.

Valentino, al termine della gara in Andalusia chiusa al 3° posto, ha sottolineato: "La Yamaha deve credere in me".

"Non è una scelta forzata per il 2021, ma non è un guidatore normale".

Cagliari-Juventus in diretta: dove vederla in TV e streaming
In alternativa 3-4-1-2 con Birsa che prende il posto di Ladinetti per agire dietro le due punte Simeone e Joao Pedro . La Juventus è imbattuta nelle ultime 18 partite di Serie A contro il Cagliari , grazie a 15 vittorie e tre pareggi.

Il coronavirus piomba su Kim Jong-un. Allerta massima in Corea del Nord
Ora sono in corso i test alle persone entrato in contatto con il soggetto e a chi negli ultimi cinque giorni è stato a Kaesong .

COVID-19: Andrea Bocelli dalla parte dei negazionisti? Ecco cosa ha dichiarato
Successivamente, Bocelli ha confessato di aver violato il lockdown, invitando tutti a rifiutarsi di seguire questa regola . Resta il fatto che per le ragioni esposte, alcune uscite di Andrea Bocelli stiano facendo storcere il naso.

Anche Razali ha parlato del fenomeno Quartararo: "Non ci saremmo mai aspettati il sostegno, ma anche vincere così presto". Ci è voluto del tempo per essere sicuro, ma quello che ha fatto domenica ha reso le cose più facili per dire agli azionisti perché abbiamo scelto Valentino.

Avere in squadra una leggenda come Valentino, aumenterà sicuramente il numero di tifosi della squadra in giro per tutto il mondo. Vogliamo che chiunque corra con noi faccia risultato.

"Vogliamo continuare con questa filosofia, e con Valentino vogliamo essere sicuri di poterlo aiutare". Non vogliamo conquistare la popolarità grazie a lui, ma farlo perché riusciamo a renderlo competitivo anche alla sua età.

"Se possiamo farlo prima bene, ma farlo a casa sua sarebbe ancora meglio". Alcune cose rimangono da definire, non tanto legate a Valentino o alla questione della meccanica, che è la parte facile, come nel finalizzare la struttura tra Yamaha, VR46 e il circuito di Sepang. Per molti versi sono molto più contento di aver creato questo team dal niente, e averlo portato dove siamo oggi con Quartararo, piuttosto che avere Rossi in squadra.

Condividere