Giorgetti: "condanna per i 49 milioni? La Lega chiude"

Condividere

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio è tornato a parlare, oggi alla Versiliana di Marina di Pietrasanta, dei rapporti turbolenti tra Roma e Bruxelles e delle difficoltà legate all'accoglienza di coloro che sbarcano in Italia.

"Io non ho votato il cosidetto provvedimento salva-Benetton perchè non ero in Aula".

Giorgetti ha poi spaziato su vari temi, a partire dal tema caldo delle Autostrade e della revoca delle concessioni: "C'e' gia' una procedura avviata". "Se tutti mantengono gli impresi presi nei confronti degli italiani", ha aggiunto, "questo governo va avanti a lungo". "Soltanto con lo sviluppo dell'economia si può affrontare il rilancio dello Stato", ha spiegato.

Al Partito Democratico non è sfuggita l'intervista a Giancarlo Giorgetti [VIDEO], così come non ha potuto fare a meno di commentarla. Una via di fuga che, come ha confermato anche il procuratore di Genova Francesco Cozzi, dal punto di vista giuridico potrebbe tenere.

"Se la Lega avesse voluto staccare la spina il giorno dell'avviso di garanzia a Salvini nell'ambito dell'indagine sulla Diciotti avremmo avuto un buon motivo".

SALVINI "PERMALOSO" - Poi le inevitabili domande sul leader leghista.

Ferragni-Fedez: sposi a Noto tra musica, fiori, panelle e arancine
Chiara, avvolta in un abito Dior , e Fedez , in Versace , erano molto emozionati. In abito lungo rosa le damigelle , creazione di Alberta Ferretti .

Matrimonio ferragnez, come seguire la diretta
Chiara Ferragni indossa un abito bianco tradizionale col velo che copre il suo viso, radioso ed emozionato . Tanti i vip che hanno partecipato al matrimonio. (Lo ha detto lui in questo VIDEO ).

Ciclismo - Vuelta, King vince la prima in salita. Kwiatkowski sempre leader
Sulla questione ha parlato anche il general manager della squadra, Brent Copeland: "Vincenzo è in crescita, sulla strada giusta". La domanda se tornerò quello di prima, se la mia schiena tornerà com'era, me la faccio dal giorno dell'infortunio, è normale.

SALVINI E BOSSI- Un difetto di Salvini?

"Per guidare bene un'auto di Formula 1, bisogna sapere anche frenare, non solo accelerare, se no vai fuori strada alla prima curva". Anche la politica è così.

Allarme rosso per il partito di Matteo Salvini.

Ad aprile scorso, La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso della procura di Genova contro la decisione del Riesame, che lo scorso novembre aveva escluso ulteriori sequestri sui conti della Lega per la presunta truffa sui rimborsi elettorali risalente alla gestione Bossi-Belsito tra il 2008 e il 2010. E il nome Lega non si tocca. Lo ha detto il sottosegretario Giancarlo Giorgetti sull'ipotesi che il 5 settembre il tribunale del riesame possa decidere di sequestrare tutti i soldi della Lega.

Se ne deduce, quindi, che Salvini ed i suoi più diretti collaboratori dovranno formare un nuovo partito che, però, nonostante la straordinaria popolarità ed i larghi consensi, non potrà prescindere dalla collaborazione col centro-destra.

Condividere