Indonesia, oltre 800 morti. Ora si temono le epidemie

Condividere

Oltre 830 le vittime accertate, ma il bilancio è destinato a salire: sono ancora ampie le parti di territorio non ancora raggiunte dai soccorritori. Continuano le scosse, anche superiori alla magnitudo 5, dopo il sisma principale che è arrivato a quota 7.5 sulla scala Richter. Ieri, il dipartimento di Stato Usa in un comunicato ha annunciato che gli Stati Uniti "sono pronti ad assistere" l'Indonesia nelle operazioni di soccorso.

Le macerie lasciate dall'onda anomala, infatti, stanno impedendo ai soccorritori di raggiungere le aree rurali dell'Indonesia, in modo particolare una fascia di territorio abitata da 600mila persone. Il ministero della Giustizia di Giacarta ha confermato ieri che 1,200 detenuti in due diverse carceri tra Palu e Donggala sono fuggiti. Non si esclude dunque che il numero enorme finora evidenziato possa ulteriormente crescere nel corso della giornata.

L'ufficio dell'Onu per il coordinamento degli affari umanitari ha lanciato l'allarme, sottolineando che tra i bisognosi ci sono anche 46mila bambini e 14mila anziani, molti al di fuori delle aree urbane dove sono concentrati attualmente i soccorsi. E' quanto emerge dal racconto del capo della protezione civile, Muhammad Syaugi, il quale avrebbe sentito richieste di aiuto provenire da sotto le rovine di un hotel di Palu, il Roa-Roa. E' questa una delle situazioni più gravi attualmente registrate e che non lascerebbe molte speranze sul numero dei sopravvissuti.

Читайте также: Marotta: "Vado via per volere della Juve. Niente Figc, voglio un’altra big"

Le foto pubblicate dall'aviazione indonesiana e dall'agenzia di gestione delle catastrofi hanno mostrato edifici e ponti crollati e i feriti distesi in un cortile di fronte a un ospedale.

Un intero complesso residenziale di Palu dove si stima abitassero circa 200 persone, è stato letteralmente raso al suolo dalla violenza del sisma e del conseguente tsunami che si è abbattuto. E da allora non sono ancora state ritrovate. Le informazioni sulle vittime al momento giungono con enormi difficoltà dal momento che linee elettriche e telefoniche risultano essere notevolmente danneggiate e da quel che fa sapere l'ambasciata francese, ci sarebbero delle operazioni di verifica attualmente in corso. Sono invece stati ritrovati ed evacuati un tedesco, un belga, un singaporiano, 10 vietnamiti, 32 tailandesi, 21 cinesi.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere