Scontro con Cnn, Trump manda via il corrispondente alla Casa Bianca

Condividere

"Io governo, tu pensa alla CNN".

Dopo il battibecco con Trump, Acosta ha scoperto che il suo accredito stampa alla Casa Bianca gli è stato revocato.

Ancora, "la Cnn dovrebbe vergognarsi di lei e del modo in cui tratta Sarah Huckabee Sanders", ovvero la sua portavoce.

Читайте также: Finali Mondiali Ferrari: 50.000 persone a Monza per la festa rossa

The Verge, sito specializzato in tecnologia, è andato oltre , chiedendo un parere tecnico al produttore Jamison Hermann, secondo cui "hanno velocizzato la clip per enfatizzare il movimento: il video accelera nel momento in cui la mano di Acosta entra in contatto con il braccio della stagista". La CNN ha respinto le accuse, diffondendo il video della conferenza nel quale si vede che il giornalista cerca solo di trattenere il microfono. La Radio Television Digital News Association, che rappresenta redazioni in tutto il Paese, ha denunciato l'iniziativa come "irragionevole". "Non ho mai visto niente di simile finora - ha twittato Peter Baker, corrispondete del New York Times, "ho iniziato a coprire la Casa Bianca nel 1996, altri presidenti non avevano paura delle domande dure". Se lei lavora meglio, lavoro meglio anche io".

Il giornalista Jim Acosta, corrispondente dalla Casa Bianca per la CNN, non potrà mettere più piede all'interno della residenza ufficiale del presidente degli Stati Uniti. "C'è molto per cui criticare Acosta - ha scritto Chuck Ross del Daily Caller, un sito che attacca duramente la Cnn - ma non ha messo le sue mani sulla stagista ed è ridicolo insinuare lo abbia fatto". Quando la questione era poi esplosa, nel giugno 2016, Trump aveva detto proprio alla Cnn che se fosse stato eletto non avrebbe revocato gli accrediti, perchè alla Casa Bianca "è una cosa diversa".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere