Nasconde per due anni la figlia nel bagagliaio

Share

La donna è accusata di violenze responsabili di mutilazioni, infermità permanenti su minorenne, privazione di cibo e cure, dissimulazione e negazione dell'esistenza stessa della neonata: la sua difesa opta per la linea del diniego di gravidanza anche dopo la nascita per "spiegare" il comportamento della Da Cruz, sposata, madre di altri 3 bambini più grandi, ai quali tenne nascosta la nascita della piccola Sèrèna.

È riuscita a nascondere per tutti e 9 i mesi la gravidanza indesiderata, e dopo aver partorito ha cresciuto e nascosto la figlia per 2 anni nel bagagliaio della sua macchina. Per la bambina è stato terribile, ma a salvarla è stato un provvidenziale guasto alla macchina che ha imposto alla donna di recarsi da un meccanico, raccomandandosi di non aprire il bagagliaio per nessuna ragione al mondo. Quando rimase incinta decise di non dire nulla a suo marito e ai suoi tre figli. Il meccanico ha subito chiamato i soccorsi, che immediatamente l'hanno trasferita in ospedale.

In officina si sarebbe raccomandata di non aprire il bagagliaio, perché, a detta sua, pieno di cose che non aveva voglia di togliere.

Niente tiara per Meghan Markle, la regina Elisabetta: "Non può avere tutto"
Le notizie trapelati dipingerebbero dunque il carattere dei neo sposi come piuttosto " spigoloso ". Ovviamente, contro la regina anche Meghan deve desistere.

Arbitro aggredito a San Basilio, sospesi tutti i campionati nel Lazio
Si valuteranno nuove e analoghe iniziative al verificarsi di ogni ulteriore episodio di violenza grave. Salvini: 300 arbitri picchiati.

Carmelo Zappulla, la famiglia: "Carmelo rischia la vita"
Carmelo Zappulla è stato operato e poi trasferito in terapia intensiva dove si trova tuttora in stato di coma farmacologico. Dopo aver scritto il libro autobiografico "Quel ragazzo della Giudecca".

"Sono saltato indietro tanto era forte l'odore", ha dichiarato uno di loro che ha chiamato subito i soccorsi. L'uomo, aprendo il bagagliaio, si è trovato al cospetto di una bambina malnutrita e sporca. I fatti sono avvenuti nella regione di Dordogne, in Francia, nel 2013 e ora la donna, oggi 50enne, sarà processata con l'accusa di maltrattamenti su minori. Il personale medico ha infatti affermato che la piccola, senza più energie, era in uno stato così pietoso che se non fosse stata portata in ospedale subito sarebbe morta entro mezz'ora.

I meccanici non si sono insospettiti, ma mentre lavoravano hanno sentito dei rumori venire dal bagagliaio e, temendo ci fosse un animale, lo hanno aperto.

La bimba è stata ora affidata ai servizi sociali e ad altri specialisti, ma resterà invalida a vita. Nel frattempo, è finalmente iniziato il processo a carico di Rosa Maria Da Cruz, che dovrà difendersi dalla pesantissima accusa di maltrattamenti su minori.

Share