Argentina, ritrovato il sottomarino scomparso con 44 marinai a bordo

Condividere

Il sottomarino ARA San Juan, scomparso a novembre 2017, è stato ritrovato nell'Oceano Atlantico.

Un robot ha individuato il sottomarino argentino San Juan, scomparso un anno fa con 44 membri di equipaggio.

La notizia è arrivata attraverso un tweet della Marina argentina: "Il Ministero della Difesa e la Marina argentina informano che l'ispezione del punto numero 24 da parte della nave Ocean Infinity, effettuata da un sottomarino a 800 metri di profondità, ha permesso la localizzazione dell'Ara San Juan", si legge. Il sottomarino è stato rinvenuto a 800 metri di profondità a largo della Patagonia. E quasi 10 giorni dopo venne confermato che c'era stata una esplosione a bordo, probabilmente connessa al problema riportato: l'equipaggio potrebbe essere morto a causa delle esalazioni velenose sprigionate dallo scoppio. La scoperta è stata annunciata solo due giorni dopo che le famiglie dei marinai dispersi hanno tenuto la commemorazione a un anno dalla scomparsa del sottomarino, avvenuta il 15 novembre 2017.

Manovra: fonti P.Chigi, nessun vertice
Da Montecitorio però il vice premier M5S aveva detto che "noi stiamo cercando di invertire la rotta il prima possibile". Giallo sul vertice di Palazzo Chigi sulla manovra di questa mattina.

Tim, revocata la fiducia all'amministratore delegato Genish
Una mossa alquanto inattesa quella messa a segno dal cda Tim: certo i conti erano in rosso e ci si aspettava una qualche mossa , ma non questa.

Grande Fratello Vip: due ex concorrenti contro il programma
Quest'ultimo ha sempre sostenuto di essere solo un amico di Benedetta , ma dai suoi atteggiamenti non sembra sia così. I followers di Elia , per la stragrande maggioranza, condividono l'opinione del ragazzo, voi invece cosa ne pensate?

Prese poi il via un'operazione di ricerca senza precedenti in Argentina, coinvolgendo navi provenienti da Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Il 30 novembre, la Marina smette di cercare il sottomarino e inizia a cercare i sopravvissuti. Come ricordano i quotidiano La Nacion e Clarin, è stato indispensabile il pressing dei parenti delle vittime per riprendere il monitoraggio nell'area. Il 25 febbraio, lanciano una raccolta di fondi per assumere un'azienda per la ricerca del sottomarino. "La nave di Ocean Infinity ha deciso di fare una nuova ricerca e grazie a Dio, ha trovato l'area" dove affondò l'unità militare, ha spiegato al canale televisivo argentino Todo Noticias il portavoce della Marina, Rodolfo Ramallo.

Condividere