Argentina, ritrovato il sottomarino scomparso con 44 marinai a bordo

Share

Il sottomarino ARA San Juan, scomparso a novembre 2017, è stato ritrovato nell'Oceano Atlantico.

Un robot ha individuato il sottomarino argentino San Juan, scomparso un anno fa con 44 membri di equipaggio.

La notizia è arrivata attraverso un tweet della Marina argentina: "Il Ministero della Difesa e la Marina argentina informano che l'ispezione del punto numero 24 da parte della nave Ocean Infinity, effettuata da un sottomarino a 800 metri di profondità, ha permesso la localizzazione dell'Ara San Juan", si legge. Il sottomarino è stato rinvenuto a 800 metri di profondità a largo della Patagonia. E quasi 10 giorni dopo venne confermato che c'era stata una esplosione a bordo, probabilmente connessa al problema riportato: l'equipaggio potrebbe essere morto a causa delle esalazioni velenose sprigionate dallo scoppio. La scoperta è stata annunciata solo due giorni dopo che le famiglie dei marinai dispersi hanno tenuto la commemorazione a un anno dalla scomparsa del sottomarino, avvenuta il 15 novembre 2017.

Netflix ricorda il papà di Spiderman Stan Lee con un easter egg
Non è la prima volta che leggiamo l'annuncio " Stan Lee è morto " ma questa volta non si tratta di una bufala ma della verità. Nello stesso periodo aveva dato via a Hulk e Thor , seguiti poco dopo da Iron Man e dagli X-Men .

Migranti: Merkel, serve rinunciare a pezzi di sovranità nazionale
Potremmo lavorare con la Nato con un vero esercito europeo: "non vedo contraddizioni". Non si può affermare ora che queste regole non interessano più.

Higuain, nessuna parola contro la Juve. Incredibile ritorno del Pipita?
Il Pipita si è prima preso un giallo per proteste e poi il rosso diretto per aver urlato in faccia al direttore di gara. Quel tap-in su Donnarumma è molto di più del gol numero 667 nella carriera di Ronaldo .

Prese poi il via un'operazione di ricerca senza precedenti in Argentina, coinvolgendo navi provenienti da Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Il 30 novembre, la Marina smette di cercare il sottomarino e inizia a cercare i sopravvissuti. Come ricordano i quotidiano La Nacion e Clarin, è stato indispensabile il pressing dei parenti delle vittime per riprendere il monitoraggio nell'area. Il 25 febbraio, lanciano una raccolta di fondi per assumere un'azienda per la ricerca del sottomarino. "La nave di Ocean Infinity ha deciso di fare una nuova ricerca e grazie a Dio, ha trovato l'area" dove affondò l'unità militare, ha spiegato al canale televisivo argentino Todo Noticias il portavoce della Marina, Rodolfo Ramallo.

Share