Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

Condividere

La percentuale italiana è lapiù alta dopo quella di Croazia, Malta e Grecia, a fronte di una media Ue al 50%.

Le maggiori difficoltà a lasciare la casa dei genitori vengono riscontrate dai maschi: nella fascia 18-34 i "mammoni" sono il 72,7% (contro il 59,8% delle femmine). Nella fascia tra i 25 e i 34 anni, infatti, il 57,9% dei ragazzi italiani vive ancora con i genitori.

Pazza idea Roma, Schick può tornare alla Sampdoria! L'ipotesi
Com'è noto, la Roma vorrebbe liberarsi di Patrik Schick dopo aver deluso le numerose chance che Di Francesco gli ha concesso nell'ultimo periodo.

MotoGP, Daniel Pedrosa risponde ad Alberto Puig: "Critiche improvvise e curiose"
Io ho dato a lui il meglio di me stesso, dandogli tutto quello di cui ero capace in ogni momento. Nonostante tutto, Pedrosa non ha mai alimentato nessuna polemica.

Nedved: "Marotta? Gran professionista, forse non è mai stato juventino"
"È un professionista, ma forse non è mai stato juventino ", ha chiuso Nedved . Da circa un mese non si parla d'altro sull'asse Torino-Milano.

Il dato conferma una situazione consolidata nel nostro Paese, che nell'Ue è uno di quelli con la disoccupazione giovanile più elevata in assoluto (34,7% nel 2017 per i giovani tra i 15 e i 24 anni di età, fonte Eurostat) e con una grande diffusione del lavoro precario, che non favorisce l'indipendenza economica dei giovani. Ce lo ricordano, periodicamente i dati Eurostat, e via giù con titoloni e luoghi comuni, come se non ci bastasse il fatto di essere tra i popoli più stereotipati d'Europa.

L'Italia si conferma tra i primi Paesi dell'Ue per la percentuale di under 35 che vivono ancora con i genitori. Basta farsi un giro su internet, e guardarsi un pò di spot pubblicitari stranieri in cui la figura dell'Italiano "maldestro e mammone" serve sopratutto per elogiare e mostrare le differenze tra una nazione all'avanguardia e l'Italia. Il livello è in aumento in Italia in particolare per gli uomini (dal 57,2% al 57,9%) mentre per le donne l'aumento è di 0,3 punti (dal 40,3% al 40,6%). Per fare un esempio, in Germania, fino al 2013 è cresciuta soprattutto l'occupazione nel secondo quintile (salari bassi, ma non i più bassi in assoluto), ma nei tre anni successivi sono stati creati 600mila posti a stipendio alto, del quinto quintile, contro circa 180mila nel primo.

Condividere