Cesare Battisti, è caccia all'ex terrorista ma lui è sparito

Condividere

Ecco allora che l'inafferrabile Battisti fugge e trova ospitalità da qualche compagno e probabilmente in qualche altro Paese meno ostile rispetto al nuovo Brasile di Bolsonaro.

Per il giornale Uol, che però non cita fonti, Battisti avrebbe già superato da circa dieci giorni il confine. "Non so dire se alta, ma è una possibilità". Nell'elenco degli altri Paesi che non hanno un trattato di estradizione con l'Italia, figurano invece tutte mete particolarmente lontane geograficamente e difficili da raggiungere per una persona come Battisti, sulla quale ormai grava un mandato di arresto internazionale dell'Interpol: Capo Verde, Cambogia, Madagascar, Malesia, Namibia, Seychelles. Pare in Bolivia (Il Giornale: un commissario di polizia brasiliano assicura che "Battisti probabilmente è in Bolivia aiutato nella sua fuga dai servizi francesi"). Le indagini partono da Cananeia, l'isola brasiliana a 250 chilometri da San Paolo che negli utimi anni ha ospitato il latitante condannato in Italia per quattro omicidi compiuti negli anni Settanta.

La questione presenta anche risvolti giuridici, perché la difesa di Battisti potrebbe ancora presentare ricorso al supremo tribunale federale, adducendo che il presidente della Repubblica non potrebbe più pronunciarsi in quanto sarebbe vincolato dalla precedente decisione, che aveva respinto la richiesta di estradizione.

M5S, Renzi: "Rai grillina ignora notizia problemi azienda padre Di Battista"
Il padre dell'esponente del MoVimento 5 Stelle , Vittorio , avrebbe una serie di problemi con la sua società, la Di.Bi Tec srl . Secondo " Il Giornale ", l'ultimo bilancio risale al 2016, mentre non è stato presentato quello del 2017.

Cancelo e Cuadrado out, Juventus: si ritorna sul mercato?
E l'annuncio è arrivato direttamente dal suo allenatore in conferenza stampa: " Joao nel derby non ci sarà". Menisco mediale interno, stasera o domani verrà operato e sarà a disposizione dopo la sosta.

Mario Cipollini a processo per lesioni e minacce alla sorella
I fatti sarebbero avvenuti durante una lite familiare nel 2017. Nuovi guai giudiziari per Mario Cipollini . La stessa sorella lo ha denunciato .

Il presidente uscente, Michel Temer, ha firmato il decreto per l'estradizione in Italia. Tanto da specificare che non ci saranno "premi" per la cattura dell'ex terrorista. "Stiamo seguendo le attività della polizia federale e speriamo che venga arrestato. Ora è un problema di polizia", ha osservato il diplomatico, sottolineando che i rapporti tra polizia italiana e brasiliana sono "ottimi".

Salvini non vede l'ora di mettere le mani su Battisti. In ogni caso "non metteremo 'premi' o 'wanted': lasciamo ai film quella roba lì".

Condividere