Droni sulla pista dell'aeroporto di Londra-Gatwick: chiuso lo scalo

Condividere

Droni commerciali, 'oggetti volanti' di dimensioni contenute, eppure in grado di tenere a terra centinaia di voli e migliaia di persone, far scattare un allarme che ancora non accenna a rientrare, con tanto di dispositivo di sicurezza in massima allerta e perfino il dispiegamento dell'esercito, oltre ad una riunione 'Cobra' convocata da Downing Street.

Per non parlare delle vacanze rovinate, delle ore che in molti hanno trascorso all'aeroporto nella speranza di poter salire su un aereo, ma solo per vedere i voli eliminati uno ad uno dai tabelloni e la chiusura della pista prorogata più volte, fino alla comunicazione che non riaprirà prima della tarda serata. I voli sono stati sospesi dopo che alcuni droni sono stati visti volare sopra la pista. Un portavoce del terminal si è scusato per questo disagio ai viaggiatori. Molti voli in arrivo sono stati dirottati verso altre destinazioni in Gran Bretagna e in Europa.

Gb: voli ancora sospesi a Gatwick per droni vicino alla pista
Ma alla domanda su quale sarà il ruolo dell'esercito il ministro Gavin Williamson ha risposto di non poterlo rivelare. Le forze dell'ordine stanno tentando di catturare l'operatore dei droni .

MotoGP, Daniel Pedrosa risponde ad Alberto Puig: "Critiche improvvise e curiose"
Io ho dato a lui il meglio di me stesso, dandogli tutto quello di cui ero capace in ogni momento. Nonostante tutto, Pedrosa non ha mai alimentato nessuna polemica.

Napoli, Ancelotti: "Vittoria meritata. Sarri? Mai detto di volerlo sfidare in finale"
Le gerarchie sono chiare: dalla parte destra ci sono Milik e Mario Rui, dall'altro lato ci sono Mertens e Insigne. Chi vorrei evitare nel sorteggio? Gli azzurri, dopo Sarri , stanno facendo bene anche con Ancelotti .

Più di 20 unità di polizia stanno cercando di rintracciare il proprietario o i proprietari dei dispositivi, che rischiano fino a cinque anni di carcere per aver violato la legge britannica che vieta a qualsiasi drone di volare entro un chilometro dai confini di un aeroporto e di volare oltre i 120 metri dal suolo. Da dove venivano quei droni e dove sono finiti. "Purtroppo, un'altra osservazione dei droni nelle vicinanze dell'aeroporto ha costretto la pista a chiudersi di nuovo alle 03.45 mentre abbiamo indagato su questo con la polizia del Sussex", ha aggiunto la nota.

Le indagini, a cui collaborano anche esperti militari, non hanno ancora portato all'individuazione dei responsabili.

Condividere