Inter, truffato Nainggolan: l'assegno clonato svela ingenti perdite al Casinò

Condividere

La stagione di Radja Nainggolan, centrocampista belga di origini indonesiani, all'Inter prosegue tra alti e bassi con due diversi infortuni che lo hanno costretto a stare fermo ai box per diverso tempo. Pare che Nainggolan abbiamo perso molti soldi nel giro di pochi mesi per le puntate alte ai casinò di Montecarlo e questo assegno di 150mila euro serviva per coprire proprio uno di questi buchi finanziari.

Oltre al "vizio" delle serate, quanto riportato da La Stampa e La Gazzetta dello Sport fa emergere il vizio del gioco. Detto che la vita privata di Nainggolan ovviamente non c'entra con la vicenda, l'inchiesta sugli assegni clonati è nelle mani della procura di Velletri.

Sarri, messaggio a Higuain: "Mi piace moltissimo"
Stavolta c'è Higuain , in crisi con i rossoneri nelle ultime settimane, come perno per far leva sul Chelsea . D'altronde, il Pipita sta attraversando un momento di difficoltà e lo spagnolo ha poco spazio a Londra .

Gb: voli ancora sospesi a Gatwick per droni vicino alla pista
Ma alla domanda su quale sarà il ruolo dell'esercito il ministro Gavin Williamson ha risposto di non poterlo rivelare. Le forze dell'ordine stanno tentando di catturare l'operatore dei droni .

Nadia Toffa presenta Max: "Una delle persone più importanti della mia vita"
Di recente Nadia aveva mostrato ai followers uno foto di una rosa regalatale da un " amico speciale ", chissà se stava parlando dell'uomo in foto.

Nato ad Anversa da madre belga e padre indonesiano, cresciuto in una situazione tutt'altro che semplice, Radja Nainggolan è arrivato in Italia a 17 anni dopo essersi formato nel Germinal Beerschot. Dall'Inghilterra sono sicuri che la Beneamata sia sulle tracce del centrocampista Ozil (ai ferri corti con l'Arsenal). Quella dei 150 mila euro non sarebbe stata l'unica perdita contratta dal giocatore nello stesso Casinò, quando in agosto era diventato un assiduo frequentatore. Nelle mani dei magistrati ci sono anche le immagini riprese dagli istituti di credito dove sono stati effettuati i prelievi dalla banda.

Condividere