Migranti: Sea Watch a sud di Lampedusa - Sicilia

Condividere

La vicenda segue quella della Open Arms, anch'essa respinta dall'Italia e accolta dalla Spagna. "Ha partorito due giorni fa su una spiaggia libica". Il silenzio per far sparire i morti in mare, non ha funzionato. "Abbiamo chiesto un porto sicuro dove far sbarcare le persone", ha detto il portavoce della Ong tedesca, Ruben Neugebauer. "L'odissea non finisce qua - dice Oscar Camps, fondatore di Proactiva - dobbiamo salvare la vita di questo piccolo".

Eppure, le condizioni del meteo in inverno rendono complicata una lunga permanenza in mare di persone che, oltretutto, potrebbero avere bisogno di assistenza. "Per i trafficanti di esseri umani e per chi li aiuta, la pacchia è finita". Un'altra imbarcazione si sta avvicinando a Open Arms per portare medicine, viveri e coperte.

I porti italiani sono chiusi! Ma al momento l'Europa, che si commuove per il Natale, non riesce a trovare posto per 33 persone in nessuna delle sue 28 nazioni. Le loro condizioni di salute sono buone, non ci sono, per ora, problemi medici.

Nadia Toffa e la chemio alla vigilia di Natale
Ringrazio i medici e gli infermieri che nel giorno più speciale e familiare dell'anno sono qui per noi malati. Dal viso traspare quanto sia provata, anche se la giornalista, ancora una volta, sorride con coraggio.

Francesco Chiofalo: "Ho un tumore al cervello"
Per quanto sia pericolosa questa operazione e per quanto io non la voglia fare, sono costretto, non c'è un'alternativa". Francesco Chiofalo , ex concorrente di Temptation Island , ha appena annunciato di avere un tumore al cervello .

L'agente di Montolivo: "Decisione di Gattuso oltre la logica"
Nessun'apertura sullo scambio Morata-Higuain di cui si parla da due giorni: "Di mercato non voglio parlare". Fino a che starà qui bisogna sfruttarlo al massimo e metterlo nelle condizioni di rendere al massimo.

Anche Open Arms si trova in difficoltà e ieri ha attaccato Salvini: "I viveri stanno finendo, le coperte non bastano per tutti e fa molto freddo". Sea Watch ha parlato di "rimpallo di responsabilità", sottolineando "l'urgenza di sbarcare per portare queste persone al sicuro e perché il diritto marittimo lo prevede". "Però sappi che tra qualche decennio i tuoi discendenti si vergogneranno di ciò che fai e che dici".

Ancora "porti chiusi" in Italia per le navi delle Ong in cerca di uno sbarco sicuro.

Condividere