Daniele Nardi, decollati gli elicotteri per le ricerche

Condividere

Alle 12.30 locali, due elicotteri dell'aviazione militare pakistana hanno avuto l'autorizzazione al decollo e al volo fino al campo base del K2 per riprendere le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard, i due alpinisti dispersi da due settimane sul Nanga Parbat. "Rimaniamo fiduciosi che le operazioni possano riprendere al più presto", spiega ancora lo staff in una seconda comunicazione di questa mattina. Dopo i rifornimenti, però, il gruppo si è dovuto fermare a Skardu e non è riuscito ad arrivare al campo base del Nanga come era previsto. Per l'alpinista di Latina quella linea direttissima, che porta al sovrastante plateau crepacciato e poi agli 8.126 metri della cima del Nanga Parbat, era diventata una vera e propria ossessione, tentata ben cinque volte. Speranze tenute in vita invece dal padre di Ballard, Jim: "Se non sono stati già consumati dalla montagna, quei ragazzi potrebbero sopravvivere lassù per 10 giorni, anche per 14". Non rinuncerò alla speranza finché non mi verrà detto che devo farlo.

Malattie rare, in Puglia quasi 20.000 persone
Dalla sua attivazione, nel luglio 2012, sono state seguite 4.859 pratiche, di cui 1.265 pratiche nell'ultimo anno. Gli specialisti, con video clip, illustrano caratteristiche, sintomi e come si arriva alla diagnosi.

Lutto a Forum, il messaggio commosso di Barbara Palombelli
E' stata una puntata difficile quella di stamattina a " Forum ". "È venuto a mancare Franco Maffuccio". Forum: è morto Franco Maffuccio.

Maturità 2019, online le tracce per la simulazione della seconda prova
La differenza principale sta nel fatto che da quest'anno la prova sarà multidisciplinare in tutti gli indirizzi in cui è prevista. L'esame di Maturità si avvicina e oggi è il giorno della simulazione della seconda prova. "Buon lavoro a tutti!".

Da domenica scorsa non si hanno più notizie di loro, proprio mentre cercavano di coronare il loro sogno sul Nanga Parbat. "I velivoli hanno effettuato il volo in assetto di massima allerta essendo la zona del K2 lungo il confine con l'India -si legge sulla pagina Facebook dell'alpinista italiano-". "Al momento non è possibile alcuna operazione a causa delle intense nevicate e della scarsa visibilità", ha fatto sapere il capo del club alpinismo del Pakistan, Karrar Haidri. "Qui i cuochi, l'ufficiale di collegamento e Ali Sadpara, con gli altri due alpinisti pakistani, hanno predisposto le piazzole di atterraggio".

Condividere