Roma, Totti: "Derby? A volte l'espressione parla. Quando perdi così..."

Condividere

Abbiamo due risultati su tre, ma quando hai questo vantaggio a volte può essere negativo. In campo mi esprimevo diversamente, in tribuna vorresti far qualcosa ma non puoi (ride, ndr). Speriamo di imporre la nostra partita, il nostro gioco. E' troppo importante per tifosi, squadra, società e mister.

Io lo difendo non perché sia mio amico, ma perché sono un dirigente della Roma e lui è il mio allenatore.

Uomini e Donne, Anticipazioni Trono over di mercoledì 6 marzo
Il ragazzo ha anche regalato un pacco di biscotti alla bella Teresa facendo intendere che il ritorno di fiamma si sta consumando. Durante il programma condotto da Maria De Filippi , la protagonista del trono over ha raccontato la violenza subita dal suo ex.

Sportitalia: Venezia, esonerato Zenga. In arrivo Cosmi
Il 60enne umbro, esploso alla guida del Perugia di Materazzi e Liverani, è il terzo allenatore della stagione per i lagunari. Per lui un contratto fino al prossimo giugno .

Istat: a gennaio occupati in crescita (+21 mila). Ma sono solo uomini
Il tasso di disoccupazione dei giovani tra 15 e 24 anni cresce di 0,3 punti rispetto a dicembre , attestandosi al 33 per cento. Ma la crescita coinvolge esclusivamente gli uomini (+27 mila ) mentre risultano in lieve calo le donne (-6 mila ).

In queste partite i consigli non servono, sono troppo importanti e belle da giocare. "Entrambe le cose. Sono partite diverse, la squadra è forte e sa che oggi è diverso da altre occasioni". È normale che quando perdi un derby così in testa ti passa qualunque cosa. Già esserci è una grande soddisfazione per tutti i giocatori. Tra i portoghesi, infatti, era presente un simpatizzante della Lazio, che ha pensato di porgere al dirigente romanista una maglia biancoceleste da firmare. Stagione? Per il momento siamo ancora in corsa per il quarto posto e per i quarti Champions, abbiamo tanti obiettivi. Niente, si preparano da sole, se la vinci vai ai quarti e le parole non servono, servono i fatti, è inutile che dica a un giocatore che la partita sia importante, sono barzellette per me, giocatori di questo livello non hanno bisogno di questo. È giovane e può migliorare, io spero che diventi come uno dei più grandi del calcio mondiale, lo tuteleremo fino alla fine. "Penso che la squadra sia tutta con il mister".

E' il campo che deve rispondere, normale che quando entri in campo ci siano. "Sono cose che arrivano dal cuore".

Condividere