Bohemian Rhapsody potrebbe avere un sequel?

Condividere

Ecco il video della fantastica esibizione.

Il film si conclude con l'iconica performance della band al Live Aid, che è all'incirca il periodo in cui Rudi Dolezal iniziò a lavorare con i Queen: a partire da One Vision il regista ha girato moltissimi videoclip e documentari per la band e i suoi membri, inclusi i famosi Innuendo e The Show Must Go On, finendo con These are the days of our lives, che venne pubblicato solo 3 mesi prima della morte di Freddie Mercury.

Ma la Austin in più di una intervista ha raccontato che l'eredità di Freddie è stata per lei quasi una maledizione, perché ha comportato inevitabili difficoltà da affrontare, prima di tutto cattiveria, gelosia e invidia.

Bohemian Rhapsody continua a collezionare successi e primati nel mercato italiano. Compreso Brian May, il chitarrista della band, che lo scorso dicembre aveva dichiarato: "Penso che il Live Aid fosse un buon punto dove interrompere la storia". Dopo il grande successo di pubblico e i premi vinti, un sequel potrebbe essere inevitabile.

Читайте также: Alessia Marcuzzi si scusa con Riccardo Fogli per il suo comportamento

Sono certo che sta pensando a un sequel che riprenda la storia dal Live Aid.

"La cosa è molto discussa tra i Queen e le persone coinvolte".

Una battuta, forse, che nel tempo è diventata possibilità sempre più concreta. Rami Malek è uno degli attori più apprezzati del mondo.

Adesso Slashfilm ha smentito tale notizia dopo aver incontrato il produttore Graham King, che ha decisamente detto che non c'è nulla di vero al report apparso sul web nella gioranta di ieri.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere