Scaroni: "Senza la Champions impatto economico immediato"

Condividere

Ho questo filmato e l'ho mandato al presidente del Coni, a quello della Figc e della Lega. Il Milan è uscito con le ossa rotte dalla dalla sfida contro la squadra di Mazzarri, queste le parole del presidente Scaroni in un'intervista rilasciata a Radio Uno: "Cosa succederebbe senza la Champions?".

SUI CORI RAZZISTI - "Probabilmente non sono stati così vistosi da essere sentiti da tanti, perché i laziali erano pochi e i tifosi milanisti sono sempre rumorosi". La partita di Coppa Italia era stata preceduta da determinati episodi, mi sarei aspettato maggiore attenzione. La nostra tifoseria è assente da questi fenomeni di razzismo.

Scaroni ha infine toccato il tema del razzismo e della mancata interruzione-sospensione della semifinale di Coppa Italia con la Lazio: "Dobbiamo copiare l'Inghilterra, che nel calcio è dieci anni avanti, rispetto a noi: loro vanno a caccia degli episodi di razzismo anche fuori dallo stadio, mentre da noi l'atteggiamento è un po' passivo".

GATTUSO, Razzismo? Sono rimasti al 1800
Ha ragione Reina quando dice che sembra di essere nel 1800, sono cose che si commentano da sole. "Nei momenti di difficoltà avevamo l'anima".

Roma, Ranieri: ?La partita più bella. Conte? Andrei a prenderlo all?aeroporto?
Tre gol, tre punti, e la corsa al quarto posto continua. "Io guardo al bene della Roma , non a me stesso, se si parla di Antonio tanto di cappello, lo vado a prendere all'aeroporto".

Napoli, anche Juve e City sulle tracce di Almendra del Boca
Tra le priorità del mercato rientra, a pieno titolo, Agustin Almendra , classe 2000, talentuoso trequartista del Boca Juniors . Secondo quanto riportato da Il Mattino , infatti, sul talento argentino si sono mosse anche Juventus e Manchester City .

OBIETTIVO CHAMPIONS - Per il Milan " l'obbiettivo Champions si è allontanato con la sconfitta di ieri, ma continuiamo a inseguirlo. Ma perdere la Champions, di certo, avrebbe un impatto economico importante e allontanerebbe il Milan lì dove vogliamo portarlo. "Poi è diventata una sorpresa positiva, ci abbiamo fatto la bocca, ora continuiamo a stare sulle sue tracce".

SUL FUTURO DI GATTUSO - "Non voglio parlare, se ne occupano l'ad, Maldini e Leonardo, io posso notare che il Milan non gioca a buoni livelli da qualche mese". E' chiaro che abbiamo avuto un calo di forma, non forniamo più le prestazioni di due-tre mesi fa. "Così non ce la faremo mai".

"La sconfitta con il Torino?". Al momento, non si profila quindi un esonero: a Gattuso restano quattro gare di campionato considerate determinanti per la stagione ma non cruciali per il progetto di Elliott. Questa, risulta all'ANSA, è la linea del club e non è in programma una conference call fra la dirigenza rossonera e i vertici della proprietà Elliott.

Condividere