Cagliari furioso, il ds Carli: "Rigore assurdo, il Var è una barzelletta"

Condividere

Lavoro per il Var anche a Parma, dove Fabbri (impallato da un calciatore) si perde il fallo di Di Marco che interviene con il gomito largo e alto su un cross destinato a Quagliarella. Flebili proteste genoane per un mani di Fazio su tiro di Koutame: la palla viene intercettata con la spalla dal difensore argentino della Roma, che ha comunque il braccio in posizione naturale. Si vuole far diventare il Var, strumento straordinario, una barzelletta. Uno dei casi in cui il VAR può dare oggettività alla decisione dell'arbitro.

Il Corriere dello Sport analizza la prestazione arbitrale di Chiffi, che ha diretto il posticipo Napoli- Cagliari. Sono incavolato sia con l'arbitro Chiffi che col VAR Mariani, che ha fatto una cosa assurda.

Il ds dei sardi prosegue: "Una cosa così contro il Napoli non l'avrebbero mai fatta perché sarebbe diventata mediaticamente una cosa allucinante".

Balotelli contro Ronaldo: "non paragonatelo a Messi"
L'attaccante oggi al Marsiglia si è espresso senza alcun dubbio su Instagram a favore di Leo Messi . Ronaldo con l'Atletico ha toccato tre palloni e tre gol, ma questa è la sua forza.

Da Lugano i soldi di Berlusconi per il silenzio di Ruby
Lo riporta il Fatto Quotidiano. 400mila euro trasferiti da Lugano a Playa del Carmen in Messico. La rogatoria svela che i versamenti sono due: uno da 300mila euro, l'altro da 60mila euro.

Francesca Barra è incinta, Claudio Santamaria sarà di nuovo papà
Per la giornalista si tratterebbe del quarto figlio , dopo Renato, Emma Angelina e Greta avuti da Marcello Molfino . Bisogna avere rispetto per quei genitori che invece hanno perso i figli e vivono una pena senza fine.

E ancora: "Se una cosa così dovesse succedere in una finale di Champions cosa facciamo?" Un risultato scontato in realtà ormai da mesi, al punto da gestire il distacco sull'Inter e dirottare le attenzioni sull'Europa League, non però in estate con gli azzurri immaginati da tutti i grandi media fuori persino dalle prime quattro in base agli investimenti delle concorrenti. Un punto per noi vuol dire la vita, come anche per altre squadre. Mi rompe le scatole quando diventano protagonisti, ci sentiamo presi in giro da una decisione cervellotica.

In sostanza, questa la conclusione del direttore sportivo rossoblù: "Se un episodio è chiaro è un conto, ma se è così complicato non vai a vederlo". E conclude: "I ragazzi sono devastati, il mister ha preso pure un'espulsione".

Condividere