Rita Dalla Chiesa critica Lilli Gruber mentre intervista Matteo Salvini

Condividere

"Allora me lo manda quel mazzo di fiori?".

Alla fine, Matteo Salvini da Lilli Gruber ci è andato. Sulla legalizzazione della droga bisogna fare un passo indietro altrimenti la tenuta di questo governo sarebbe davvero a rischio. La giornalista e scrittrice 62enne non aveva apprezzato una battuta di Salvini durante un comizio in Brianza: "Non ho mica voglia ma domani devo andare da Lilli Gruber... simpatia portami via".

Zingaretti, nessun dialogo tra Pd e M5s
Il Governo non cadrà nonostante la dialettica al suo interno sia diventata forte. Nel pomeriggio, invece, Zingaretti torna sull'argomento.

Di Maio: in Cdm siamo maggioranza, su Siri non arretriamo
Il fascicolo, da quanto si è saputo da fonti investigative, è ancora a modello 45, cioè senza ipotesi di reato ne indagati. Nel 2013 fu candidato sindaco a Bresso con il Partito Italia Nuova.

MotoGp a Jerez, podio tutto spagnolo. Vince Marquez
La classifica generale vede Marquez in vetta (70 punti), secondo Rins (69), terzo Dovizioso (67), quarto Rossi (61). Al 10° giro Marquez inizia ad allungare su Quartararo, il primo degli inseguitori, incalzati dall'arrembante Rins.

I toni tra i due si sono mantenuti accesi anche nell'appuntamento di ieri, tan'è che sui social ha scelto di intervenireRita Dalla Chiesa, volto di Italia Sì, programma del sabato pomeriggio di Rai 1 con Marco Liorni.

Nonostante le parole di Salvini, la Gruber l'ha accolto nel suo studio e gli ha chiesto se gli costasse molto trovarsi lì. Altro tema fortemente discusso è la polemica sulla presenza di Altaforte, a casa editrice vicina a Casapound che ha pubblicato il libro-intervista Io sono Matteo Salvini, al Salone del Libro. "Le voglio un sacco di bene - ha risposto Salvini - e ritengo questa trasmissione assolutamente equilibrata". Sono pronto a litigare con i Cinque Stelle perché qualcuno vorrebbe che lo Stato diventasse spacciatore. E il leader della Lega di rimando: "Mi pagano per fare il ministro dell'Interno, non per essere simpatico". La giornalista lo interrompe: "La pagano anche per essere educato, mi creda". Ho detto quello che ho provato io nell'ascoltare un'intervista che avrebbe potuto essere più fluida e 'ficcante' se fosse stata condotta con minore aggressività. "Lei cita solo Fazio", fa notare la Gruber. "Non è vero che non ho risposto, gli ho detto che andavo se si dimezzava lo stipendio". "In questi mesi abbiamo fatto tante cose e c'è un contratto che ci unisce".

Condividere