Tare: "Inzaghi alla Juve? Non ci sono dubbi sul futuro"

Condividere

Nel secondo anno abbiamo vinto la Supercoppa e poi sappiamo tutti come è andata, abbiamo perso la qualificazione in Champions League negli ultimi 15 minuti e siamo usciti ai quarti di finale di Europa League contro il Salisburgo dopo un'ottima cavalcata. "Io non ho mai detto che Inzaghi deve andare via, stiamo parlando perché il nostro programma va da qui ai prossimi anni e lui ha un anno di contratto, non perché se ne andrà".

"Inzaghi ha un contratto, non servono trattative". I bianconeri sono interessati a Simone Inzaghi per il post Allegri ma anche a Milinkovic Savic. Anche quando stava scadendo il contratto di Tare abbiamo rinnovato. Se il mercato potrà incidere sulla scelta di Inzaghi? Un'invenzione mediatica. Ha un contratto con la Lazio, non mi risulta che la società abbia preso una posizione di alienazione o sostituzione del ruolo. Avvicinato già in tempi non sospetti al Milan per la sua capacità di scovare talenti da valorizzare, Igle Tare potrebbe formare con Inzaghi la nuova accoppiata Milan, mentre la conferma di Gattuso farebbe virare su altre piste, sempre considerando ormai sicuro l'addio di Leonardo, che ieri è stato avvistato a Nizza per il "derby della Costa Azzura" con il Monaco. Noi cerchiamo di coniugare risultati sportivi con quelli economici.

Europee 2019, in città tiene il Movimento 5 Stelle, Forza Italia seconda
In crescita Fdi: cinque anni fa il partito sfiorò il quorum del 4% e oggi con il 6,46% manderà alcuni parlamentari a Strasburgo. Mentre nei quartieri popolari, da Ostia a Le Vallette di Torino, "è la Lega a ribaltare la situazione", dice ancora Pregliasco.

Cristiano Ronaldo voleva Ancelotti alla Juventus, retroscena Dagospia: 'Mossa di De Laurentiis'
Kathryn Mayorga ha spiegato di aver accettato una somma di 350mila euro perché "si sentiva intimorita" dal campione portoghese. Solo in questo modo, infatti, può essere notificata la citazione in giudizio al numero 7 della Juventus .

Lite in diretta tra Del Debbio e Cecchi Paone: "Fascista"
Ed è a questo punto che il padrone di casa Paolo Del Debbio perde le staffe e richiama Alessandro Cecchi Paone all'ordine. E lo invita a lasciare lo studio: la seconda parte della bagarre ha inizio tra gli applausi dello studio in fermento...

"Gli incontri sono stati fatti per capire tante cose".

Condividere