Dopo il voto riparte la giostra dello spread. Borse in rosso

Share

Viaggia attorno ai 284 punti lo spreadtra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi a metà mattinata.Dopo essersi spinto fin sulla soglia di quota 290, toccando ilnuovo massimo da febbraio, lo spread si è leggermenteraffreddato con il rendimento che si attesta ora al 2,691%. Il tasso è salito al 2,74% dal 2,66%. In deciso aumento rispetto ai 281 della chiusura di ieri.

Si tratta di una possibilità teorica, poiché prima di arrivare a quello stadio i rendimenti dei titoli di Stato sarebbero già saliti a livelli insostenibili, assai più di quelli attuali, già molto elevati. Tra i singoli titoli si conferma la debolezza delle banche, appesantite proprio dal caro spread. Mps cede il 3,08%, Unicredit perde il 2,30%, Banco Bpm il 2,20% e Intesa il 2,15%.

Tra le blue chip milanesi maglia nera a Leonardo (-2,21%), Fineco (-1,98%) e Unipol (-1,63%).

Caos Milan, non solo Gattuso! Ufficiali altre dimissioni dal club rossonero
Non solo l'amore per il Milan , ma anche quello per i collaboratori che l'hanno accompagnato in questi due anni. Un gesto di grande eleganza, che ha sorpreso anche l'a.d.

Europee 2019, in città tiene il Movimento 5 Stelle, Forza Italia seconda
In crescita Fdi: cinque anni fa il partito sfiorò il quorum del 4% e oggi con il 6,46% manderà alcuni parlamentari a Strasburgo. Mentre nei quartieri popolari, da Ostia a Le Vallette di Torino, "è la Lega a ribaltare la situazione", dice ancora Pregliasco.

Europee, Di Maio: "M5s penalizzato dall'astensione"
Domande cui è difficile rispondere, se non per ipotesi calibrate non solo sui numeri, ma anche sul contesto generale. Poi, ha spiegato, "la lezione dell'astensionismo non serva per minimizzare il risultato".

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib e' sceso sotto quota 20.000 punti, chiudendo a 19.999,94 punti, Fca e' rimasta debole (-1,22%), in attesa di novita' sulla fusione con Renault, e hanno perso quota le utility, complice il fatto che l'indice Euro Stoxx 600 di settore ha lasciato sul campo l'1,1%, tra i peggiori del Vecchio Continente.

Lettera. "Vediamo se arriverà questa letterina da Bruxelles in cui ci multano per il debito passato", ha affermato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ospite di Rtl 102.5.

"Avrò uno scambio di vedute con il governo italiano su misure aggiuntive che potrebbero essere richieste per essere in linea con le regole" ma "non prediligo le sanzioni", ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, durante una discorso pronunciato vicino Lisbona e riportato dall'agenzia Bloomberg. "Se si vuole, i leader si mettono intorno al tavolo e scrivono in 15 giorni nuove regole, mettendo al centro il lavoro e l'economia reale rispetto allo spread e alla finanza".

Share