Whirlpool, fulmine a ciel sereno per 430 lavoratori: "Stabilimento in vendita"

Share

La decisione è stata annunciata al termine di una riunione avvenuta a Roma tra i vertici dell'azienda e i sindacati Fim, Fiom e Uilm. L'azienda ha interrotto improvvisamente le trattative in corso con i sindacati, scesi subito sul piede di guerra, mentre i dipendenti del gruppo sono pronti allo sciopero in tutta Italia.

Whirlpool potrebbe chiudere lo stabilimento di Napoli. Whirlpool Emea fa sapere in un comunicato che "intende procedere con la riconversione del sito e la cessione del ramo d'azienda a una società terza in grado di garantire la continuità industriale allo stabilimento e massimi livelli occupazionali, al fine di creare le condizioni per un futuro sostenibile del sito napoletano". "(Lavoreremo) con le organizzazioni sindacali, le istituzioni locali e nazionali per definire tutti i dettagli e le tempistiche della riconversione, che saranno resi noti non appena possibile".

Napoli - Lo stabilimento Whirlpool di via Argine ha annunciato la chiusura. Aggiungono che "qualsiasi ipotesi di modifica del piano e di chiusura di stabilimenti è inaccettabile". "Tutti gli stabilimenti del gruppo si sono fermati, con produzioni bloccate in tutto il gruppo". "Whirlpool - si legge nel comunicato- ha ribadito la strategicità dell'Italia all'interno della regione EMEA da un punto di vista industriale e commerciale e ha confermato le direttrici strategiche del Piano Industriale firmato lo scorso 25 ottobre presso il MISE; in particolare gli investimenti pari a 250 milioni per il triennio 2019-2021 in attività di innovazione, prodotto, processo e ricerca e sviluppo nei suoi siti industriali in Italia. Non è accettabile. Serve una risposta immediata" afferma il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, sottolineando che "Napoli e il Mezzogiorno hanno pagato già abbastanza e quindi credo sia necessario che anche il governo intervenga per far cambiare idea alla multinazionale e far rispettare gli accordi". Così, stando a quanto riferisce una nota di Fiom, Fim, Uilm, Fismic, Uglm, è stato fissato per il 4 di giugno un incontro con il ministro Luigi Di Maio. Il trasferimento a Comunanza (Ascoli Piceno) della produzione delle lavatrici e lavasciuga da incasso dalla Polonia è stato confermato.

Salvini non si ferma: ci faremo trovare pronti per governare Roma
In sostanza, la geografia del voto ha spostato 6 milioni di voti verso la Lega e tolto tre milioni di voti al M5s. Mentre Di Maio ammette la sconfitta e si complimenta con gli alleati: "Non sono qui a parlare politichese".

Tare: "Inzaghi alla Juve? Non ci sono dubbi sul futuro"
Ha un contratto con la Lazio , non mi risulta che la società abbia preso una posizione di alienazione o sostituzione del ruolo. Noi cerchiamo di coniugare risultati sportivi con quelli economici. "Gli incontri sono stati fatti per capire tante cose".

Europee 2019, in città tiene il Movimento 5 Stelle, Forza Italia seconda
In crescita Fdi: cinque anni fa il partito sfiorò il quorum del 4% e oggi con il 6,46% manderà alcuni parlamentari a Strasburgo. Mentre nei quartieri popolari, da Ostia a Le Vallette di Torino, "è la Lega a ribaltare la situazione", dice ancora Pregliasco.

Sono passati appena sette mesi da quando lo scorso 26 ottobre 2018 il vicepremier Luigi Di Maio esultava sui social per aver chiuso un accordo che assicurava il posto di lavoro a centinaia di lavoratori: ora quell'accordo è carta per incartare i pesci. Il sito beneficerà di un incremento dei volumi che porterà la produzione totale a oltre 800.000 unità.

Dopo l'annuncio delle intenzioni di vendita dell'azienda di Napoli, una delegazione di sindacalisti si è precipitata al Mise, denunciando la gravità della situazione e chiedendo l'immediata attivazione di un tavolo.

Parole che hanno infiammato immediatamente la reazione di Uilm, i cui segretari parlano di tentativo di "imbellettare" la decisione di violare l'accordo. Così il deputato napoletano Gennaro Migliore, capogruppo del Partito Democratico in Commissione Affari Costituzionali alla Camera, commenta l'annuncio della chiusura dello stabilimento della multinazionale americana.

Share