Valentino Rossi, le sensazioni dopo il warm-up

Condividere

Comunque spaventosi i numeri del campione del mondo: 48° vittoria nella top-class (una più di Lorenzo), 4° posto di tutti i tempi, 4° vittoria stagionale, la 74° in totale considerando tutte le classi. Capisco perfettamente le reazioni dei tre piloti caduti con me. Quella è una staccata difficile anche quando sei da solo, in gruppo lo diventa ancora di più. "Era il secondo giro e stava affrontando una curva dov'è molto semplice sbagliare". Aveva troppa foga: il suo passo non era così male come nelle gare precedenti e voleva provare a tutti i costi a stare davanti. "Questa curva non piace a nessuno, ma all'esterno di quella vecchia non c'è spazio di fuga sufficiente". Io sono andato lungo, venga a chiedermi scusa.

BRUSCO RISVEGLIO Ma i due zeri del Mugello e di Barcellona, conditi da tantissima sfortuna, pesano come un macigno che trascina in fondo al mare le sue oneste ambizioni. Sono stato centrato da Bagnaia, da Morbidelli e adesso da Lorenzo: non ho mai detto niente, ma adesso bisognerebbe fare qualcosa.

Spalletti: "Futuro? C’è da preparare il vino in mezzo alle terre. Adesso…"
E su Conte non si sbottona: "Se è l'uomo giusto? Devo preparare il vino, adesso ho tutto il tempo che voglio". Terrò dentro di me caramente tutte le storie che abbiamo vissuto insieme.

Aurelio Andreazzoli è il nuovo allenatore del Genoa
Andreazzoli saluta l'Empoli dopo aver sfiorato la salvezza nell'ultimo turno di campionato in una sfida a tre con Genoa e Fiorentina .

Il Mitch di Baywatch fermato per un controllo in A21
Gli agenti che lo hanno fermato, dopo tutti i controlli di rito, hanno però voluto immortalare il momento, scattandosi una foto con l'attore.

Per la prima volta da quando corre per la Honda, il maiorchino era riuscito ad inserirsi nelle posizioni che contano, ma ha rovinato tutto con una manovra senza senso: quando alla curva 10 Marquez ha attaccato Dovizioso, soffiandogli la leadership che si era guadagnato con una grande partenza, Jorge ha provato ad infilarsi anche lui pur essendo quarto e le conseguenze sono state assolutamente disastrose. A quel punto erano appena 18 i punti di ritardo da Marquez, e stavano per giungere le gare preferite da Rossi. È particolarmente crudele, perché non c'era nulla che Vale e Maverick avrebbero potuto fare per evitare l'incidente, eravamo abbastanza fiduciosi che oggi saremmo stati in grado di ottenere un buon risultato. "Questo è un tornantino che non ha tanto a che fare con una pista di moto, si è scelta questa configurazione ed è successo il patatrack". "Non era fuori controllo, può succedere".

"Lorenzo ha un carattere molto particolare, in certe situazioni non ha la lucidità che ti aspetti da un pilota come lui". Al momento sono esclusi danni importanti ai legamenti.

Condividere