Gemelle siamesi, impossibile dividerle: la storia

Condividere

L'ex manager senegalese ha dovuto, infatti, trasferirsi a Londra per accompagnare le due piccole figlie di tre anni, due gemelle siamesi, per un importantissima operazione chirurgica.

È la drammatica storia di Marieme e Ndeye, due bimbe siamesi di tre anni che condividono l'apparato digerente, il fegato e hanno solo tre reni.

"I dottori adesso sanno che si tratta di un caso unico e complesso", ha fatto eco il papà, Ibrahima Ndiaye, notando come la resistenza delle gemelle sia andata "oltre ogni aspettativa" e come la situazione offra "un pochino più di ottimismo". Ibrahima ha lasciato il proprio Paese, la Nigeria, e con le bimbe, la moglie e gli altri quattro figli ha raggiunto Londra per parlare coi chirurghi Great Ormond Street Hospital (Gosh), un ospedale specializzato in questi tipi di intervento. Per papà Ibrahima quella da prendere è "una decisione impossibile" tanto da opporsi all'intervento di separazione che avrebbe sacrificato una delle bambine: rimarranno unite fino alla morte. Ndeye è quella più calma ma anche la più debole mentre Marieme è la più vivace ma anche lei con dei punti deboli molto forti.

Mick Schumacher e l’impervia salita sul "monte" Formula 1
Schumi jr , allievo della Ferrari Driver Academy , si e' messo alle spalle Nobuharu Matsushita e Sergio Sette Camara . Credere nel destino è quasi paragonabile a credere nelle favole.

Addio ad Alberto Sironi, il regista di Montalbano
Nel 1995, per Rai 1, filma " Il grande Fausto ", la fiction biografica in due puntate dedicata al 'Campionissimo' del ciclismo. Nel 1978 sceneggia e dirige due telefilm tratti da i "Centodelitti" , raccolta di Giorgio Scerbanenco .

Trump rilancia la guerra dei dazi con la Cina, male le Borse
Giovedì, Trump ha promesso d'imporre dazi del 10 % su un ulteriore importo di $300 miliardi d'importazioni cinesi a partire dal 1° settembre.

La vicenda, sui media britannici dall'inizio del 2019, torna oggi sotto i riflettori grazie a un documentario trasmesso dalla Bbc, che per mesi le ha seguite. Sarebbe lei quella destinata alla morte, la donatrice che dovrebbe sacrificare alla sorella un apparato digerente, un fegato e un intestino. Di fronte al tormento di perdere una e salvare l'altra Ibrahima non ce l'ha fatta a scegliere, o meglio, ha fatto una scelta differente: ha fatto parlare il cuore e la sua fede. E' un credente, musulmano sufi, il comitato etico dell'ospedale non ha ragioni per contrastare la sua scelta.

Il loro papà ha deciso di non procedere perché non intende lasciar morire una delle piccole, affidando così la loro sorte alla fede e non alla scienza che ha già emesso il suo aspro verdetto. "Sarò qui con loro, fino alla fine, non posso decidere di uccidere una delle due, le amo entrambe", ha detto il genitore.

Condividere